Accadde Oggi: primo campionato dopo la Seconda Guerra Mondiale

Il 14 ottobre 1945 inizia il primo campionato post-bellico, vinto dal Torino. Il calcio italiano si era fermato per due anni, con lo sbarco degli Alleati.

14/10/2021

08:00

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

Photo by Keystone/Hulton Archive/Getty Images

Il calcio durante la Seconda Guerra Mondiale

L’8 maggio 1945 la Germania si arrende alle truppe Alleate: sul fronte occidentale è la fine della Seconda Guerra Mondiale e del regime nazifascista. L’Europa è lacerata e devastata da sei anni di conflitto armato, che hanno lasciato sul campo milioni di morti e intere città rase al suolo. L’Italia, centro nevralgico dello scontro militare, è un cumulo di macerie. Eppure, il calcio, allora come oggi irrinunciabile religione laica, si ferma giusto per le ultime due stagioni. Nel 1942/1943 si gioca regolarmente, e il titolo va al Torino, che finisce davanti al Livorno di un solo punto.

Poi, quando gli Alleati sbarcano in Italia, nel 1943, per il calcio non ci sarà più spazio. Anche se nella Repubblica Sociale Italiana, la roccaforte fedele alla Germania nazista, si disputa comunque il Campionato Alta Italia, sotto l’egida della Figc, controllata dal morente regime fascista. A vincere quello strano campionato, giocato tra febbraio e luglio, saranno a sorpresa i Vigili del Fuoco di La Spezia, che nel girone della finale a tre supera il Torino e pareggia contro il Venezia.

LEGGI ANCHE: Fiorentina, Sottil rinnova il contratto: arriva l’ufficialità

Il primo campionato post-bellico

Ufficialmente, però, quel titolo non verrà mai omologato, e il Campionato tornerà solo dopo la fine della Guerra. Diviso, proprio come è stata l’Italia dal 1943, in due gironi: Serie A Alta Italia e e Serie mista A-B Centro-Sud. Si scende in campo, per la prima giornata, il 14 ottobre: una data spesso dimenticata, ma dall’alto valore simbolico. Quel giorno, gli italiani tornano allo stadio, riprendendosi poco a poco la normalità che mancava da anni, se non da decenni. Quelli bui del regime fascista, di cui il calcio è stato, più o meno consapevolmente, strumento di consenso e propaganda.

Torna in campo anche uno dei simboli del calcio italiano del Ventennio, Silvio Piola, con addosso la sua nuova maglia, quella della Juventus. Al Comunale, va in scena subito il derby contro il Torino: lo decide proprio il più prolifico dei cannonieri italiani, con un rigore al 32′ del secondo tempo. Nel girone finale che decide la lotta al titolo, i granata avranno però la loro vendetta, tutta sportiva: arrivano davanti ai bianconeri, vincendo, per un solo punto, il loro terzo titolo. È il primo nell’Italia del dopoguerra, che, sul campo di calcio, non sembra poi tanto cambiata. Il Toro si conferma la squadra più forte, su Piola resiste la maledizione che lo accompagnerà fino alla fine della carriera, chiusa senza aver mai festeggiato la gioia dello Scudetto.

Correlati

19:40

13/10/2021

Sabato sera c’è un big match da affrontare per l’Inter, quello contro la Lazio. Per Simone Inzaghi un ritorno...

Sabato sera c’è un big match da affrontare per l’Inter, quello contro...

19:40

13/10/2021

19:20

13/10/2021

La nazionale di calcio del Kosovo ha deciso di sollevare dall’incarico di Commissario Tecnico l’allenatore svizzero...

La nazionale di calcio del Kosovo ha deciso di sollevare dall’incarico di...

19:20

13/10/2021

Calcio e...

08:30

20/10/2021

La cronaca Partiamo dalla fredda cronaca. Il 20 ottobre 1971, al vecchio Bökelbergstadion di Mönchengladbach, che fino al 2004...

La cronaca Partiamo dalla fredda cronaca. Il 20 ottobre 1971, al vecchio...

08:30

20/10/2021

08:00

20/10/2021

Il 20 ottobre 1961 a St. Asaph, nel Galles settentrionale, nasce Ian Rush. Gioca nelle rappresentative scolastiche fino ai 17...

Il 20 ottobre 1961 a St. Asaph, nel Galles settentrionale, nasce Ian Rush. Gioca...

08:00

20/10/2021