Accadde oggi: la Roma perde 7-1 a Manchester, poi l’impresa con il Barcellona

Due partite particolari accaddero oggi per la Roma: il 7-1 subito a Manchester nel 2007 e la storica vittoria per 3-0 sul Barcellona nel 2018.

10/04/2022

08:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

Il 10 aprile, per la Roma formato Champions League, è una data particolare, agrodolce. Ricorda, infatti, una delle peggiori debacle, ma anche un’impresa titanica. Procedendo in ordine cronologico, il 10 aprile 2007 i giallorossi affrontano ad Old Trafford il Manchester United. La Roma di Luciano Spalletti si gioca il passaggio alle semifinali di Champions League dopo aver superato i Red Devils all’andata per 2-1. Un risultato che certo non mette i giallorossi al riparo dalla prevedibile furia dello United di Sir Alex Ferguson, una delle squadre più forti al mondo. Certo, nessuno immaginava il disastro che, di lì a poco, si sarebbe materializzato davanti agli occhi dei giocatori.

La partita finisce 7-1, una vera e propria umiliazione, che prende forma dopo appena 19 minuti, con la Roma tramortita da tre reti in rapida successione, firmate da Carrick, Smith e Rooney. All’intervallo, lo United, con la rete di Cristiano Ronaldo, è già avanti 4-0, risultato e semifinale in cassaforte. Ma pancia non ancora piena. Segnano ancora CR7 e Carrick, la rete di Daniele De Rossi è solo un intermezzo prima del definitivo 7-1 firmato da Patrice Evra. Per Francesco Totti, capitano dei giallorossi, sarà “La sera più triste della mia carriera”. In effetti, è una sconfitta umiliante che, però, undici anni dopo verrà, in un certo senso, vendicata.

Il 10 aprile 2018, infatti, la Roma torna a giocare un quarto di finale di Champions League. Questa volta, di fronte c’è il Barcellona di Lionel Messi, accreditato della vittoria finale, proprio come il Manchester United undici anni prima. La situazione, però, è capovolta: l’andata, a Barcellona, finisce 4-1 per i Blaugrana, e il ritorno sembra poco più che una formalità. Sembra, appunto. Perché la Roma questa volta ha dalla sua la totale assenza di pressioni, e mette in scena una prestazione meravigliosa. Sublimata dal gol del 3-0 finale di Manolas, che ribalta la sconfitta dell’andata e qualifica i giallorossi in semifinale. Dove, per poco, non arriva un’altra impresa e, soprattutto, un’altra vendetta, solo sfiorata, ai danni del Liverpool.