Accadde oggi: la tragica morte di Piermario Morosini

Il 14 aprile 2012 , durante Pescara-Livorno, si accascia a terra Piermario Morosini, stroncato, a 25 anni, da una cardiomiopatia aritmogena.

14/04/2022

08:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Copyright: imago/Gribaudi/ImagePhoto

La storia di Piermario Morosini, troppo breve, è costellata da eventi tragici. Nasce a Bergamo nel 1986, e nel giro di due anni, tra il 2001 e il 2003, perde prima la madre, Camilla, poi il padre, Aldo. Nel 2004 il fratello, disabile, si suicida, e Piermario resta solo con una sorella, anche lei disabile. Ha appena 18 anni, e all’epoca gioca nelle giovanili dell’Atalanta. Di lì a poco, muoverà i primi passi nel professionismo: la stagione successiva, infatti, passa in comproprietà all’Udinese, con cui esordisce sia in Serie A che in Coppa Uefa. Centrocampista di grande talento e prospettiva, la stagione successiva passa al Bologna, in Serie B.

In cadetteria Piermario Morosini trova la sua dimensione, e anche una certa continuità. L’Udinese, nel frattempo, rinnova la comproprietà con l’Atalanta, mandandolo di nuovo in prestito, al Vicenza, dove disputa due ottime stagioni. Nel 2009 i friulani riscattano anche l’altra metà del cartellino, per 1,5 milioni di euro, e lo girano, ancora in prestito alla Reggina, quindi al Padova e di nuovo al Vicenza, tornando in Friuli solo per poi ripartire. L’ultimo viaggio, calcisticamente, è verso Livorno, l’ultima maglia che indosserà. Il 14 aprile 2012, infatti, durante una partita contro il Pescara, Morosini si accascia a terra, colpito da un’improvvisa crisi cardiaca.

I soccorsi sono lenti, in campo non c’è un defibrillatore, e quando arriva in ospedale Permario Morosini è già morto. Qualche mese dopo l’autopsia confermerà quanto si sospettava: fatale è stata una rara malattia ereditaria, la cardiomiopatia aritmogena. La FIGC, intanto, decide il rinvio delle partite della giornata in corso, per osservare un turno di lutto. Il dolore, però, valicherà i confini nazionali. Negli stadi di mezza Europa, nel ricordo di Piermario Morosini, viene osservato un  minuto di silenzio. La commozione è enorme, ma la morte del giovane centrocampista bergamasco – tifosissimo della Sampdoria – non sarà vana. Da quel momento, infatti, anche nel campi di calcio delle serie minori la presenza di un defibrillatore diventerà obbligatoria, salvando, ogni anno, decine di vite.

Calcio e...

Il caso plusavalenze si anima di nuovi importati risvolti. La Corte d’appello della FIGC ha respinto il ricorso della...

Il caso plusavalenze si anima di nuovi importati risvolti. La Corte d’appello...

13:00

18/05/2022

08:30

18/05/2022

Il 18 maggio 1994 è il giorno della festa annunciata, in casa Barça: i catalani vinceranno la Coppa. Non è un presentimento:...

Il 18 maggio 1994 è il giorno della festa annunciata, in casa Barça: i catalani...

08:30

18/05/2022