Accadde Oggi: muore Sòcrates

04/12/2020

08:04

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Bongarts/Getty Images)

Il 4 dicembre 2011 il mondo del calcio saluta, prematuramente, uno dei suoi interpreti migliori, Sòcrates. Si spegne a San Paolo, a soli 57 anni, ma lascia ai posteri una delle pagine più potenti che un calciatore abbia mai scritto. Che fosse destinato a grandi cose, lo si evinceva sin dal nome. Il padre, cresciuto in povertà in Amazzonia, è un lettore vorace e un amante dei classici. Sceglie il nome del figlio, Sòcrates, dopo aver letto La Repubblica di Platone. Nasce a Belém, nel 1954, e da giovane si divide tra l’Università, dove studia alla Facoltà di Medicina, e il campo di calcio. Preferendo, alla fine, il secondo, ma portando comunque a termine gli studi.

Ed è un bene, perché “il dottore” è dotato di un talento raro. Centrocampista di grande fisicità, ma armonico, piede delicato e visione della porta di un attaccante. Gioca le prime stagioni nel Botafogo, tra il 1972 e il 1977, ma è nel Corinthias che si rivela al grande calcio e non solo. Di quella squadra Sòcrates diventa presto il capitano, tecnico e morale. Il Brasile è governato da una dittatura militare, e il Corinthias diventa il simbolo di una resistenza pacifica ma fortemente politica. Nella squadra non c’è un allenatore, ma vige un’autogestione paritaria, passata alla storia come “Democrazia corinthiana”. La squadra scende in campo con messaggi contro la dittatura, e per tre anni, al motto “essere campioni è un dettaglio”, ogni decisione viene votata da giocatori e staff tecnico.

L’impatto mediatico è enorme, specie perché nel frattempo è il leader del Brasile che, nel Mondiale del 1982, si deve inchinare in semifinale all’Italia. Nel 1984, a trent’anni, arriva la chiamata della Fiorentina, che sul piatto mette 5,3 miliardi di lire. Il Corinthias accetta, Sòcrates anche, convinto da un ricco contratto e da un corso di specializzazione in ortopedia. in Italia, però, il centrocampista brasiliano fa una fatica tremenda ad adattarsi ai ritmi di gioco della Serie A. Dopo una sola deludente stagione, quindi, torna in Brasile, prima al Flamengo e poi al Santos, con cui chiude la carriera nel 1989. Mette a frutto, finalmente, la Laurea in Medicina, esercitando come dottore, ma anche come commentatore in tv.

Correlati

17:40

19/10/2021

Aggiornamenti sulla situazione infortunati in Casa Napoli. Nella seduta mattutina odierna al Konami-Training Center, il Napoli...

Aggiornamenti sulla situazione infortunati in Casa Napoli. Nella seduta mattutina...

17:40

19/10/2021

Chiusa la finestra estiva di calciomercato, ogni appassionato di calcio è abituato a pensare che i migliori giocatori del...

Chiusa la finestra estiva di calciomercato, ogni appassionato di calcio è abituato...

17:20

19/10/2021

Calcio e...

08:30

19/10/2021

C’è stato un periodo, tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, in cui ai vertici del calcio italiano sedeva anche il...

C’è stato un periodo, tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta, in cui ai...

08:30

19/10/2021

08:00

19/10/2021

Il 19 ottobre 1921, nella città svedese di Umeå, nasce Gunnar Nordahl. Fino al 1949, gioca nel campionato svedese, segnando...

Il 19 ottobre 1921, nella città svedese di Umeå, nasce Gunnar Nordahl. Fino al...

08:00

19/10/2021