Accadde oggi: quando il Vicenza sognava la Coppa delle Coppe

Il 2 aprile 1998 il Vicenza batte il Chelsea nella semifinale di andata della Coppa delle Coppe: un sogno cullato fino al ritorno...fino al ritorno...

02/04/2022

08:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Swansea City's Italian head coach Francesco Guidolin arrives for the English Premier League football match between Swansea City and Liverpool at The Liberty Stadium in Swansea, south Wales on October 1, 2016. / AFP / GEOFF CADDICK / RESTRICTED TO EDITORIAL USE. No use with unauthorized audio, video, data, fixture lists, club/league logos or 'live' services. Online in-match use limited to 75 images, no video emulation. No use in betting, games or single club/league/player publications. / (Photo credit should read GEOFF CADDICK/AFP via Getty Images)

Il glorioso Lane Rossi Vicenza, che oggi staziona a metà classifica in Serie B, alla fine degli anni Novanta ha davvero sognato in grande. Nel 1997, in maniera piuttosto clamorosa, i berici vincono la Coppa Italia, ribaltando lo 0-1 subito dal Napoli nella fina di andata. Gli eroi sono Maini, che riporta in equilibrio la sfida, e soprattutto Rossi e Iannuzzi, che segnano alla fine dei tempi supplementari le reti della vittoria. Un Sarà un campionato spettacolare, chiuso all’ottavo posto: sotto Francesco Guidolin esplode il talento dei vari Marcelo Otero, Pierre Wome, Gabriele Ambrosetti, Lamberto Zauli.

La vittoria della coppa nazionale apre le porte al Vicenza della Coppa delle Coppe. Un trofeo prestigioso, a eliminazione diretta, che i veneti affrontano nel migliore dei modi. Nei sedicesimi, grazie al 2-0 dell’andata, superano i polacchi del Legia Varsavia. L’urna, per gli ottavi di finale, li mette di fronte allo Shakhtar Donetsk, ma gli ucraini, all’epoca, non sono squadra temibile. 3-1 all’andata e 2-1 al ritorno, il Vicenza è tra le prime otto. Dove il sorteggio è ancora una volta clemente, mettendo di fronte al Lane Rossi gli olandesi del Roda. Non c’è partita, dopo il 4-1 dell’andata arriva un ancora più rotondo 5-0.

Adesso, sognare la vittoria finale diventa quasi doveroso. In semifinale, però, l’ostacolo è di quelli importanti: il Chelsea di Vialli e Zola. Non ancora la corazzata di oggi, costruita qualche anno dopo da Roman Abramovich, ma di sicuro l’avversario peggiore che potesse capitare. Il Vicenza, però, non si scompone, e il 2 aprile 1998, al Romeo Menti, porta in scena una prestazione generosa e ai limiti della perfezione. Trova il vantaggio al 16′ con una rete bellissima di Lamberto Zauli, e difende il risultato fino al 90′. Il sogno, per una volta, sembra davvero poter diventare realtà.

Al ritorno, le cose si mettono benissimo: Pasquale Luiso porta in vantaggio a i suoi a “Stamford Bridge”, ma il ritorno dei Blues sarà veemente. Finisce 3-1, e il Vicenza saluta la Coppa delle Coppe, ad un passo dalla finale. Più che uno smacco, una doccia gelata, ma che non stropiccia il ricordo di un biennio che dalla parti del Menti non ha dimenticato ancora nessuno.

Correlati

14:48

28/05/2022

Quasi 20 anni alla guida di un club non si possono dimenticare. Specialmente se, in questi 20 anni, sono arrivati successi...

Quasi 20 anni alla guida di un club non si possono dimenticare. Specialmente se, in...

14:48

28/05/2022

14:20

28/05/2022

Giacomo Bonaventura, centrocampista della Fiorentina, ha rilasciato una lunga intervista a Repubblica analizzando la stagione...

Giacomo Bonaventura, centrocampista della Fiorentina, ha rilasciato una lunga...

14:20

28/05/2022

Calcio e...

08:30

28/05/2022

Il 28 maggio 2003 va in scena all’Old Trafford la prima finale di Champions League tutta italiana tra Juventus e Milan....

Il 28 maggio 2003 va in scena all’Old Trafford la prima finale di Champions...

08:30

28/05/2022

08:00

28/05/2022

Alexandre Lacazette nasce a Lione il 28 maggio 1991 di origini guadalupensi grazie ai suoi genitori. Trascorre praticamente tutta...

Alexandre Lacazette nasce a Lione il 28 maggio 1991 di origini guadalupensi grazie...

08:00

28/05/2022