Calvarese: “L’arbitro deve essere consapevole, un fischio pesa”

L'ex arbitro si è voluto dedicare alla sua azienda di integratori e alla moviola per Prime Video.

18/08/2021

17:40

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

Photo: ReporterTorino / LiveMedia

Gianpaolo Calvarese è ormai un ex arbitro. Ha deciso di smettere a 45 anni dopo 157 partite dirette in Serie A. Adesso, è commentatore tecnico arbitrale per la nuova piattaforma Amazon Prime Video e ha fatto il suo debutto per la Supercoppa Europea tra Chelsea e Villarreal. Da questa settimana, lo aspetterà la Champions League fino ai prossimi tre anni. Ha parlato al Corriere della Sera, facendo un salto nel passato.

Le dimissioni: “Ho deciso di smettere per dedicarmi alla mia azienda di integratori, ma è stata dura dire basta. Non volevo avere conflitti d’interesse e ho optato per questa decisione. L’obiettivo è lavorare con squadre professionistiche“.

LEGGI ANCHE: Calciomercato: ufficialità e trattative del 18 agosto

L’approdo ad Amazon: “Un’opportunità stimolante che mi ha preso in contropiede. Mancherà l’adrenalina del campo ma ad Amazon avrò una specie di VAR Room e potrò interagire con i telecronisti sugli episodi da moviola“.

Le decisioni del fischietto: “Il compito di un arbitro è sbagliare il meno possibile perché è impossibile non sbagliare. Le critiche fanno crescere, anche quelle dei tifosi ma fino a quando non vengono strumentalizzate. Nel momento in cui si fa un errore, bisogna dirlo, senza se e ma“, sottolinea Calvarese.

La guida AIA da Nicchi a Trentalange: “Il cambiamento ci sta. Trentalange lavora su innovazioni strutturali, come la VAR Room, e culturali, come far parlare i direttori di gara“.

Il rapporto VAR-arbitro: “È uno degli aiuti più validi. Sul fuorigioco è facile essere d’accordo con la tecnologia, mentre per un rigore entra in campo la soggettività e da lì nascono le discussioni del caso“.

IL PASSATO

L’ultima Juventus-Inter diretta: “Le polemiche fanno parte del gioco, e il clamore mediatico amplifica le decisioni. Ammetto che la gestione di quella partita poteva essere migliore, ma non vorrei entrare nello specifico. C’è il rischio di strumentalizzare nuove discussioni. E mio ritiro non c’entra con quella gara“.

La società che mette più pressione: “Nessuna, ma una decisione può far spostare equilibri significativi. Bisogna solo prendere buone decisioni ed essere consapevoli e preparati. Un fischio pesa sempre“.

Il rapporto con Collina: “Il mio primo designatore, mi ha insegnato tanto. Grazie a lui ho acquisito concetti fondamentali sia in campo che fuori. Anche Rizzoli è stato importante con la sua tecnica e umanità“.

Il miglior arbitro secondo Calvarese: “È la ‘squadra’ degli arbitri, come disse Gianluca Rocchi. Sono d’accordo con Mancini, che durante gli Europei sostenne che con i singoli si vince la partita, mentre con la squadra il campionato. A livello europeo mi piace Kuipers, in un modo o nell’altro finirà nella mia moviola“.

Correlati

17:25

18/08/2021

La Juventus Women batte con un sonoro 12-0 il Kamenica Sasa nella UEFA Women’s Champions League. Con questa schiacciante...

La Juventus Women batte con un sonoro 12-0 il Kamenica Sasa nella UEFA Women’s...

17:25

18/08/2021

Si è svolto nel corso della giornata di oggi l’incontro tra l’entourage di Lautaro Martinez e l’Inter per...

Si è svolto nel corso della giornata di oggi l’incontro tra l’entourage...

16:41

18/08/2021

Altro Italia

22:59

13/08/2022

La serata di Serie B offre tre gare scoppiettanti per cominciare al meglio la stagione. Il Cittadella batte il Pisa con il...

La serata di Serie B offre tre gare scoppiettanti per cominciare al meglio la...

22:59

13/08/2022

16:47

13/08/2022

All’età di 93 anni, quest’oggi, si è spenta una delle più note eccellenze italiane nel campo della divulgazione...

All’età di 93 anni, quest’oggi, si è spenta una delle più note...

16:47

13/08/2022