Cremonese, si punta alla permanenza di Zanimacchia: tutto in mano alla Juventus

La Cremonese vorrebbe puntare anche il prossimo anno sul giovane Luca Zanimacchia, di proprietà della Juventus. Contatti in corso fra le società.

09/05/2022

15:20

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

CREMONA, ITALY - OCTOBER 02: Luca Zanimacchia of US Cremonese celebrates after scoring the opening goal during the Serie B match between US Cremonese and Ternana at Stadio Giovanni Zini on October 02, 2021 in Cremona, Italy. (Photo by Giuseppe Cottini/Getty Images)

La Cremonese guarda già in ottica futura. Luca Zanimacchia, protagonista in questa ascesa verso la Serie A, nei pensieri della società lombarda sarà centrale anche l’anno prossimo nella massima serie italiana. Tutto dipende, però, dalla Juventus squadra che detiene il cartellino del giovane esterno offensivo, classe 1998.

zanimacchia
(Photo by Giuseppe Cottini/Getty Images)

Cremonese, la permanenza di Zanimacchia è un obiettivo: la Juve apre

Secondo quanto riportato da Sport Mediaset, la Cremonese crede alla permanenza di Luca Zanimacchia anche per la prossima stagione di Serie A. L’esterno è stato centrale nello scacchiere di Pecchia per la scalata verso la A, contribuendo con ben 8 gol e 5 assist su 36 partite giocate. Numeri non banali se teniamo in conto la carta d’identità del ragazzo, classe 1998 che era difatti alla prima esperienza importante in Serie B quest’anno. La Juventus nell’estate scorsa aveva girato in prestito con diritto di riscatto Zanimacchia a Braida, riservandosi però un contro riscatto nel caso la dirigenza bianconera avesse voluto riportarlo in quel della Continassa. Le prime sensazioni di pre mercato farebbero profilare un’apertura da parte della Juventus che sarebbe intenzionata a far riscattare a Braida il giovane e poi chissà in futuro, riportarlo alla corte di Massimiliano Allegri. Pecchia vorrebbe ripartire dunque da chi ha permesso alla Cremonese di tornare in Serie A.

LEGGI ANCHE: Rimonte Scudetto: Inter e Milan ribaltano Empoli e Verona. Juve, Vlahovic è un caso