Desailly: “Il Milan è da scudetto”

Ex baluardo della difesa del Milan negli anni 90, Marcel Desailly ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport dove ha parlato dei rossoneri.

25/11/2022

14:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by RAUL ARBOLEDA/AFP via Getty Images)

Ex baluardo della difesa del Milan negli anni 90, Marcel Desailly ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport dove ha parlato dei rossoneri. Originario del Ghana, Desailly ha vinto tutto con i colori rossoneri addosso e ha alzato al cielo anche la Coppa del Mondo con la Francia nel 1998. Queste le parole di Desailly:

“Theo può diventare il più forte del mondo: è un camaleonte, ha la capacità di cambiare la sua funzione all’interno della squadra. Giroud? In linea con lo stile di Pioli e il Milan aveva bisogno di un calciatore della sua esperienza, capace di fare la differenza nei momenti importanti. Maignan nella top 5 dei migliori al mondo? Ora no perché è infortunato. Per il Milan è super importante e può migliorare ancora tantissimo”

LEGGI ANCHE: Bernardeschi: “La Juventus ha una rosa più forte del Napoli”

Desailly Milan
(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Desailly sul Milan

Desailly ha anche parlato del Milan e delle basi che la dirigenza sta ponendo ormai da qualche anno. I giovani stanno aiutando la squadra a recuperare i vecchi fasti e la vittoria dello scudetto l’anno scorso è un chiaro segnale: 
“Il mix tra giovani ed esperti. Va bene vincere lo Scudetto ma la cosa più difficile è consolidarsi. Si stanno ricreando le basi degli anni Ottanta e Novanta, quando era il club migliore del mondo. Il Milan è di nuovo vivo. Amo l’energia del Napoli ma dubito che possano tenere psicologicamente fino alla fine. Non hanno la rosa per reggere: Juve e MIlan possono approfittarne.”

Desailly Milan
(Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Su Leao e Tonali

L’ex difensore centrale ha anche aggiunto delle parole sui due giovani talenti del Milan Leao e Tonali veri protagonisti della squadra:

“Leao come Henry? Calma. A me sembra che Leao sia diventato una star prima ancora di diventare una star. Ha un potenziale enorme ma non mi dà l’idea di essere spietato. Chiedo a Leao di forgiare il suo carattere. Tonali mi piace tanto. “