Connect with us

Serie A

Esonero Sarri, Lotito spazza via i dubbi: “Non lo caccio, risolverò io la situazione”

Published

on

Esonero Sarri

Esonero Sarri – Nonostante il momento difficile vissuto dal club capitolino, il presidente della Lazio, Claudio Lotito, ha voluto confermare il tecnico in panchina.

Esonero Sarri, Lotito spazza i dubbi: Sarri confermato

Mercato Lazio

Lazio, Sarri via a fine stagione: si pensa al ritorno clamoroso (Getty Images) – calcioinpillole.com

Intercettato dal Corriere dello Sport, Claudio Lotito ha parlato così del momento della sua Lazio e della posizione dello stesso Sarri:

“Non ho capito quale sia il problema. Me ne occuperò, prenderò in mano la situazione, come altre volte è successo in passato, ma oggi non parlo con nessuno. Di sicuro non esonero Sarri e non posso perdere tempo a smentire sciocchezze”.

Sarri dunque non rischia il posto nell’immediato ma è chiaro che la trasferta di sabato pomeriggio sul campo del Cagliari assume ora contorni praticamente decisivi. Una nuova battuta d’arresto porterebbe la società a fare ulteriori riflessioni sull’ex Juve.

La sensazione comune è quella che le parti vogliano finire insieme la stagione, nella quale la Lazio è comunque ancora impegnata in Champions League e nelle semifinali di Coppa Italia, per poi tirare le somme e decidere cosa fare in vista della prossima.

Sarri ha un contratto con la Lazio fino al 30 giugno del 2025 da 4 milioni di euro netti, bonus inclusi, e non ha al momento nessuna intenzione di dimettersi né tantomeno Lotito ha voglia di versare 10 milioni lordi sul conto di un allenatore esonerato. A giugno arriverà il momento del dunque.

La tentazione di Sarri si chiama Premier

lazio contestazione

Lazio, contestazione nella notte: nel mirino Lotito e Sarri – Photo by Emilio Andreoli/Getty Images, calcioinpillole.com

Come riferito dal noto quotidiano romano, le voci che aleggiano intorno a Formello parlano comunque di un Sarri ormai stanco della Lazio e desideroso di cambiare aria.

La tentazione più grande è quella del ritorno in Premier League dopo la positiva esperienza al Chelsea (con cui vinse l’Europa League nella stagione 2018-2019) oppure, restando in Serie A, approdare sulla panchina della Fiorentina, squadra del suo cuore.