Fiorentina, Vlahovic: “Rinnovo? Mai dire mai. Voglio i viola in cima in Italia”

Dusan Vlahovic ha parlato della sua situazione contrattuale con la Fiorentina in una lunga intervista. L'attaccante serbo non ha escluso la possibilità di rinnovare.

03/01/2022

13:30

• Tempo di lettura: 6 minuti

Tempo di lettura: 6 minuti

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Durante la stagione in corso, Dusan Vlahovic è indubbiamente il protagonista del campionato della Fiorentina. In campo l’attaccante serbo sta facendo parlare di sé per la raffica di gol che sta realizzando, mentre, fuori dal rettangolo di gioco, la questione relativa al suo rinnovo di contratto è argomento di discussione quotidiano per la società di Commisso. A tal proposito, il numero 9 dei viola ha parlato in un’intervista a politika.rs. Ecco le sue parole riportate da Tuttomercatoweb: “Il successo nel calcio dipende sempre dalla testa. Ora che, spero, la strada più difficile è stata percorsa, posso dire che sono riuscito in tutto ciò che mi ero prefissato. Tuttavia, io appartengo al gruppo di persone che non sono mai soddisfatte della situazione attuale. Forse avrei potuto fare di più e meglio, ma sicuramente significa molto per me aver raggiunto Ronaldo (con 33 gol in un anno solare, ndr)”.

Vlahovic ha spiegato la sua dedizione al lavoro:
“Sono guidato dal fatto che la cosa più importante è il lavoro. Non solo nel calcio, ma anche nella vita. Credo che alla fine ogni grande sforzo ripaghi e che dia sempre grandi risultati. Mi dico sempre che devo investire tre volte più impegno ed energia nella crescita per riuscire a stare bene alla fine”.

LEGGI ANCHE: Genoa: fatta per Ostigard, svolgerà le visite mediche nel pomeriggio

Su come è diventato uno degli attaccanti giovani più forti:
Non lo so, ho una grande motivazione quando corro in campo. Mi concentro solo sul lavoro, perché so benissimo che tutti i sacrifici di una vita e concentrarmi solo sul calcio sono i presupposti principali per il successo. La chiave del mio successo è stato il momento in cui ho capito che tutto dipende da me”.

Sull’allenatore della Serbia Stojković:
Il mister ha portato nuova energia, stile di gioco e calcio offensivo. Ha trasmesso a tutti noi quella convinzione che siamo i migliori. Che possiamo giocare con tutti, che possiamo battere ogni nazionale”.

Sulla famiglia e sugli affetti:
La mia famiglia viene prima di tutto. Il loro amore e supporto significano molto per me. Nei momenti non facilissimi, quando tutto sarebbe potuto passare dall’altra parte, quando ero completamente sopraffatto dalle emozioni, quando attraversavo i momenti più difficili, i miei migliori amici erano lì. Non dimentico le persone che erano al mio fianco quando è stato difficile per me. Senza di loro, padre Miloš, madre Gordana e sorella Anđela, i nonni, tutto sarebbe sicuramente diverso e più difficile”.

Su Cesare Prandelli:
In lui sono raccolte tutte le migliori virtù umane. Ci sentiamo spesso. Naturalmente, non ci sono parole che possano descrivere la mia gratitudine a questo uomo meraviglioso. Un giorno venne, mi invitò a un incontro e mi disse che avrei avuto una possibilità. Ricordo bene le sue parole di sostegno e che, qualunque cosa fosse accaduto, lui sarebbe stato con me. Non ho segnato nelle prime cinque partite. È stato difficile, perché ci si aspettava sempre il gol dagli attaccanti. Dopo quelle partite mi ha dato ancora più supporto, mi ha messo come primo giocatore ai rigori. A fine dicembre ho segnato un gol al Sassuolo, poi un altro, poi alla Juventus. È così che è iniziato tutto”.

Com’è stato tornare dalla prima squadra e andare a giocare con i grandi?
Non ho mai avuto problemi, anche se alcune persone finora hanno avuto un’immagine sbagliata di me, di persona prepotente o arrogante. Combatto sempre per me e per la mia squadra in campo. Forse le mie reazioni a volte sono esagerate, ma tutto quello che faccio, lo faccio al servizio della mia squadra per ottenere i migliori risultati possibili. Entro in ogni partita con molta emozione e fuori dal campo sono una persona completamente diversa. Non ho avuto problemi a scendere le scale, se è per il mio bene”.

Come hai vissuto i momenti dopo la partita con l’Inter quando hai sbagliato un gol, un’occasione nel vantaggio di 3 a 2 della Fiorentina per portare nuovi punti alla squadra?
Siamo andati in vantaggio a San Siro, ho avuto l’opportunità di finire il lavoro e assicurare la vittoria alla Fiorentina. Ma è successo quello che meno speravo. Sono grato che tutto mi sia tornato in mente dopo. Ha rafforzato il mio carattere. Non sono mai caduto in un circolo vizioso. Mi è capitato di perdere l’occasione. Dopodiché, quando ho preso il telefono tra le mani, ho visto che la situazione era grave. Le critiche sono state accese sia sui social che sui media. Mi sono detto: ok, mi sbagliavo, ma ora devo sistemare le cose. Ho spento il telefono e ho detto che avrei controllato tutto”.

Sulla gestione della pressione:
Parlo di tutto con i miei genitori e i miei manager. Ho una grande stagione alle spalle, sono consapevole di aver fatto un passo serio nella mia carriera. La Fiorentina non è un piccolo club, ma una grande squadra in Italia, che ha una tradizione, tifosi, giocatori. Ma, da giovane, mi sono già abituato al Paese che mi ha accolto a braccia aperte. Ho pensato che la prossima stagione dovevo affermarmi come giocatore, per ripetere la stagione così, che era come una favola. E per ottenere la qualificazione in Europa con il club”.

Qual è il tuo desiderio attuale: restare a Firenze o ci sono altri progetti?
L’ho affermato più volte finora. Qui a Firenze si sta facendo una bella storia di calcio. Abbiamo una buona squadra, grandi calciatori, un grande sostegno da parte dei tifosi. Tutto merita rispetto. Solo Dio sa cosa accadrà nel prossimo periodo. Il mio desiderio è quello di portare la Fiorentina in Europa, perché non siamo stati in Europa per molto tempo. Vedremo”.

Sul presidente Commisso:
È, soprattutto, un uomo serio e un grande presidente, che sa quello che vuole in ogni momento. È molto ambizioso. Ovviamente non ho nulla contro la sua volontà, perché fa tutto parte del lavoro. Non mi tiro mai indietro, non è nel mio carattere. Inseguo gli standard più elevati in tutto. Si può trovare un compromesso con il presidente? Mai dire mai. Ma attualmente sono concentrato su nuove vittorie”.

Sugli obiettivi del 2022:
Voglio che il 2022 sia ancora migliore del precedente, che sia il migliore al mondo e che faccia ancora più gol, che la Fiorentina sia costantemente ai vertici del calcio italiano”.

È vero che il figlio del presidente della Serbia è il suo manager o è solo una montatura?
Questa è una sciocchezza. Non guarderei indietro a storie che non sono vere”.

Correlati

Paolo Bargiggia, storico giornalista di Mediaset ed attualmente nella squadra di Udinese TV, è intervenuto nel programma di Luca...

Paolo Bargiggia, storico giornalista di Mediaset ed attualmente nella squadra di...

13:17

03/01/2022

L’allenatore del Manchester United, Ralf Rangnick, ha parlato ai media inglesi della situazione legata ad Anthony Martial....

L’allenatore del Manchester United, Ralf Rangnick, ha parlato ai media inglesi...

12:40

03/01/2022

Serie A

23:40

15/05/2022

Nel 2007 il grande ritorno in Serie A al fianco di Napoli e Juventus. Poi 15 anni nella massima serie che si sono infranti in...

Nel 2007 il grande ritorno in Serie A al fianco di Napoli e Juventus. Poi 15 anni...

23:40

15/05/2022

23:11

15/05/2022

Al termine della sconfitta per 1-3 contro l’Inter, il tecnico del Cagliari, Alessandro Agostini, ha parlato ai microfoni di...

Al termine della sconfitta per 1-3 contro l’Inter, il tecnico del Cagliari,...

23:11

15/05/2022