Galles, tifosi placcati dalla sicurezza per avere indosso i cappelli Lgbtq

Il Galles tornava a giocare una partita nella fase finale del Mondiale dopo 64 anni. L’ultimo giocatore ad aver segnato contro il Galles era stato Pelé.

22/11/2022

14:14

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Wales' midfielder #10 Aaron Ramsey applauds the fans after the Qatar 2022 World Cup Group B football match between USA and Wales at the Ahmad Bin Ali Stadium in Al-Rayyan, west of Doha on November 21, 2022. (Photo by Anne-Christine POUJOULAT / AFP) (Photo by ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP via Getty Images)

Il Galles tornava a giocare una partita nella fase finale del Mondiale dopo 64 anni. L’ultimo giocatore ad aver segnato contro il Galles era stato Pelé. Prima dell’ingresso in tribuna, però, ci sono stati un po’ di problemi. Ad alcuni tifosi, quelli che fanno parte del gruppo “Y Wal Goch” frangia della tifoseria gallese sono stati sequestrati dalla security i capelli a secchiello con i colori dell’arcobaleno. Il protagonista della vicenda è Laura McAllister, una donna gay ed ex candidata al Consiglio Fifa, ha detto che le è stato detto che non poteva indossare il cappello per la gara d’esordio del Galles contro gli Stati Uniti.

Galles
(Photo by ANTONIN THUILLIER/AFP via Getty Images)

Cappello bandito a Qatar 2022, cosa è successo alla tifosa del Galles?

Laura McAllister ha rilasciato delle dichiarazioni presso BBC breakfast dove ha spiegato i fatti di ieri sera:

LEGGI ANCHE: Qatar 2022, shock Argentina: il KO Mondiale fa malissimo all’Albiceleste

«È stato piuttosto pesante”, ha detto la signora McAllister a BBC Breakfast .Mentre facevamo la fila per entrare allo stadio, abbiamo sentito che c’erano stati problemi con alcune persone davanti a noi a cui era stato chiesto di togliersi il cappello per entrare allo stadio. Quindi fortunatamente alcuni di noi più indietro nella coda sapevano cosa sarebbe successo.  Infatti, mentre passavamo i controlli di sicurezza, alcuni steward ci hanno detto che non potevamo entrare nello stadio indossando i nostri cappelli arcobaleno».

Galles
(Photo by NICOLAS TUCAT/AFP via Getty Images)

Il motivo del sequestro sta tutto nei colori dei cappelli: l’arcobaleno rimanda alle battaglie in favore dei diritti umani e contro le discriminazioni, che in questi giorni stanno meritando l’attenzione generale e che infastidiscono la Fifa e il Qatar. I tifosi gallesi, dopo il sequestro dei cappelli, hanno preso regolarmente posto in tribuna e si sono comunque goduti la storica partita e in particolare il rigore di Bale che ha evitato la sconfitta contro gli americani.

 

Correlati

13:53

22/11/2022

Nella prima partita di giornata è avvenuta la prima grande sorpresa di questo Mondiale. L’Argentina è infatti stata...

Nella prima partita di giornata è avvenuta la prima grande sorpresa di questo...

13:53

22/11/2022

Intervistato dal Corriere della Sera, Massimo Oddo, campione del mondo 2006 con l’Italia, dice la sua sulla questione...

Intervistato dal Corriere della Sera, Massimo Oddo, campione del mondo 2006 con...

13:47

22/11/2022