Genoa, ennesima rivoluzione

10/09/2020

21:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

L’ultimo decennio del Genoa, in Serie A, è stato caratterizzato da un andamento a dir poco deludente.

L’ultimo piazzamento degno di nota è il sesto posto del 2014-2015 che valse ai rossoblu la qualificazione all’ Europa League, competizione mai affrontata a causa della mancata concessione della licenza UEFA.

Per il resto, una serie di piazzamenti anonimi ed altri a rischio retrocessione che di certo non fanno onore ad una squadra del blasone e della tradizione del Genoa.

Per questo il nuovo DS del Grifone, Daniele Faggiano, ha iniziato quella che sembrerebbe l’ennesima opera di ricostruzione in sede di mercato, dando vita ad una nuova -ennesima- rivoluzione.

Abbiamo già detto di come Milan Badelj sia praticamente un affare già concluso e che prossimamente vestirà la maglia del Genoa ma a quanto pare è solo l’inizio di una lunga serie di acquisti.

Il primo nome è quello del terzino sinistro dell’Atalanta, Lennart Czyborra. Dopo il mancato passaggio al Cagliari, il tedesco è già in città ed ha svolto le visite mediche. Per lui prestito biennale con diritto di riscatto fissato a 5.5 milioni.

Un altro nome che sembra essere davvero molto vicino al club di Preziosi è quello di Miha Zajc. L’ex Empoli, dopo la parentesi turca al Fenerbahce, arriverebbe in prestito con riscatto a 3 milioni.

Ma non finsice qui, nel mirino di Faggiano è finito anche Andrea Ranocchia, che ha già vestito i colori rossoblu assieme a Bonucci dopo la positiva stagione disputata nel Bari nel 2010 e che tornerebbe volentieri in Liguria.

Aperto un doppio discorso con la Roma per Juan Jesus e Rick Kardsorp. I due, dopo aver visto sfumare i propri trasferimenti verso Cagliari ed Atalanta, sono molto vicini a diventare due giocatori rossoblu.

Per l’attacco, il “sogno proibito” è Roberto Inglese: per lui il Genoa sarebbe disposto a spendere fino a 18 milioni di euro e a sacrificare eventualmente anche il cartellino del giovane Favilli.