Connect with us

Rassegna stampa

In prima pagina, i quotidiani in edicola oggi: 29 dicembre 2023

Published

on

prima pagina

Prima Pagina –  Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta, come ogni mattina, in prima pagina! Alla scoperta delle aperture dei principali quotidiani sportivi in edicola oggi, venerdì 29 dicembre 2023.

La prima pagina de la Gazzetta dello Sport

prima pagina

Partiamo con La Gazzetta dello Sport, che dedica la sua prima pagina al match di questa sera tra Genoa ed Inter e valido per la 18ª giornata. “Inter da gran finale. Il 2023 e gli ultimi tre sogni di Inzaghi. Se vince in casa Genoa si prende metà Scudetto, vola in testa a +7 e potrà girare a 50 punti”. 

Taglio alto invece per l’annullamento da parte del Governo sulla proroga al Decreto Crescita. “Schiaffo al calcio. Clamoroso dietrofront: stop al Decreto Crescita. Il Governo fa saltare la proroga agli sgravi. Mercato in salita, è dura puntare ai big”. 

I bimbi di Max e Mou. Domani Juve-Roma: da Yildiz a Bove, il futuro è verde (non per Bonucci).

Il Milan e la crisi. Leao, Giroud e l’incubo dei gol a San Siro”.

In taglio basso una breve presentazione alle altre sfide in campo oggi. “Un venerdì vista euro. Fiorentina-Torino è un esame per due. Il Napoli (senza Osi) deve rialzarsi subito. In campo anche la Lazio”. 

La prima pagina de Il Corriere dello Sport

prima pagina

Proseguiamo con il Corriere dello Sport. Anche il quotidiano romano dedica la prima pagina al match di questa sera tra il Genoa e l’Inter. “Inverno e Paradiso. L’Inter a Marassi (20.45) per chiudere al comando il girone e puntare alla stella. Thuram spinge Arna. Inzaghi “Noi ambiziosi”. Lautaro ancora infortunato: i nerazzurri inseguono contro il Genoa l’ottava vittoria in nove gare fuori casa. Simone: “Un 2023 straordinario, ma non ci fermiamo”. 

Spazio ovviamente anche alla notizia sul Decreto Crescita. “Il calcio dice addio al Decreto Crescita. Negata anche la proroga. Il Consiglio dei Ministri cancella definitivamente la tassazione agevolata per chi proveniva dall’estero. Molte società nei guai”.

Kvara guida, Raspa falso 9. Novità Zerbin. Napoli-Monza (18.30). Squalificati Osi e Politano. Mazzarri: “Palladino? Lui non ha niente da perdere”.

“Fiorentina-Torino (18.30), ritorna Jack per volare a quota 33. La Viola cerca il record di punti con Italiano nel girone d’andata”.

“Lazio-Frosinone (20.45), in 40.000 con il Taty e Kamada. Mancano Ciro e Luis, Castellanos e l’ex Eintracht sotto esame”. 

Taglio basso invece per il big match in programma domani sera tra la Juventus e la Roma. “La Juve ai ballottaggi. Allegri aspetta Mou: attacco da decidere. Maz sceglie in giornata: Yildiz oppure Chiesa e Milik o Vlahovic che deve smaltire una botta al piede. La Roma ritrova Dybala, rientra anche Pellegrini”. 

La prima pagina di Tuttosport

prima pagina

prima pagina

Chiudiamo con Tuttosport. Il quotidiano torinese apre dedicano il titolo centrale a Juventus-Roma di sabato sera, con un focus sui due tecnici Allegri e Mourinho. “Max e Mou sfida d’Arabia. Lo Scudetto con la Juve, la Champions con la Roma: sogni tra le sirene saudite.

Il “nuovo” calcio tenta due tecnici il cui futuro è legato alle imprese che stanno cercando: il confronto di domani può incidere. Vlahovic gioca con i bambini, Yildiz ci riprova. Brividi Dybala. Kean-Patino: scambio con l’Arsenal?”. 

In taglio alto le parole del tecnico del Torino Ivan Juric. “Toro: 3 punti e un esterno”.

A Firenze (18.30) per rivedere l’Europa: Juric sprona squadra e società. “Voglio i miei tosti, agguerriti e finalmente concreti. Anche nei cross sui piazzati. Poi il tecnico chiede un rinforzo a sinistra. Linetty recuperato. Tameze si sdoppia tra difesa e mediana. Ma Italiano tiene altala tensione Champions”. 

“L’Inter cerca il +7. Milan e Napoli giocano per Traoré. Genoa-Gila, trappola per Inzaghi”. 

Solo taglio basso per l’annullamento del Decreto Crescita. “Ciao Dereto Crescita, mercato sono guai. Governo: salta la proroga per gli sgravi fiscali. Confermata la stretta dal 1 gennaio: ingaggi, rinnovi contrattuali e tanti campioni a rischio”.