Inghilterra, arrestato tifoso del Brentford per insulti razzisti

In occasione del match contro il Manchester City, del 29 dicembre, un supporter del Brentford ha riferito insulti razzisti ai giocatori. Club pronto ad escluderlo dagli stadi.

02/01/2022

14:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Clive Rose/Getty Images)

Il calcio continua a fare i conti con la piaga del razzismo negli stadi. Stando a quanto riferito da Sky Sports Uk, l’ultimo episodio si è verificato in occasione del match di Premier League tra Brentford e Manchester City dello scorso 29 dicembre. Un supporter del Brentford, infatti, è stato arrestato dopo aver rivolto svariati insulti di stampo razzista all’indirizzo di un calciatore della squadra allenata da Guardiola. Il Brentford ha annunciato che, neanche a dirlo, saranno presi adeguati provvedimenti ai danni del tifoso, in un clima di assoluta collaborazione con le autorità. Ecco quanto riferito da un portavoce del club:

“Siamo a conoscenza di quanto accaduto durante la partita di mercoledì sera in cui, un tifoso del Brentford, è stato arrestato con l’accusa di aver rivolto insulti nei confronti di un giocatore del Manchester City, tramite un linguaggio razzista e omofobo.

LEGGI ANCHE: Premier League: Il City passa di misura sul Brentford, decide Foden

Come condizione per la cauzione, l’individuo coinvolto non sarà autorizzato a partecipare a nessuna partita del Brentford FC fino alla conclusione delle indagini della polizia e potrebbe essere soggetto a sanzioni da parte del club in attesa dell’esito di tale processo. Gli abusi razzisti o omofobici sono completamente inaccettabili al Brentford FC em coloro che saranno coinvolti in una condotta di questa natura, saranno soggetti a un divieto significativo per accedere allo stadio, in linea con le linee guida sanzionatorie della Premier League”.