Inghilterra, Kane-Southgate: cosa non va?

Ieri il ct non ha usufruito di armi come Sancho, Bellingham e Calvert-Lewin. Kane non ha ancora mai tirato in porta.

19/06/2021

09:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Credit: imagoimages

L’Inghilterra ieri ha impattato 0-0 contro la Scozia nel suo secondo match ad Euro2020. Molti hanno storto il naso soprattutto di fronte ad alcune scelte del ct Southgate e anche a qualche prestazione non di alto livello dei giocatori. Quest’ultimo è il caso di Harry Kane. Il capitano della Nazionale dei Tre Leoni e attaccante (al momento) del Tottenham, non sta brillando in questo Euro2020, anzi, non sembra proprio essere presente.

Zero tiri verso lo specchio della porta in due partite disputate. Ieri, durante il primo tempo, giocatore con meno palloni toccati tra i ventidue in campo. Insomma, una serata veramente da dimenticare. Ma ciò che preoccupa è proprio l’atteggiamento del corpo di Kane: non brillante e sconsolato. Che le tante voci di mercato sul suo conto lo possano aver condizionato? Molto probabilmente sì. Ma da un attaccante del calibro di Kane, soprattutto se vuole lasciare il segno e convincere le varie pretendenti a puntare su di lui servirà un’inversione di marcia. Ma le colpe sono solamente sue? Ovviamente no e qui arriviamo al punto Southgate.

Ieri il ct dell’Inghilterra, dopo aver inserito Rashford per Kane, è rimasto praticamente in silenzio per tutti i minuti rimanenti. Nessuna mossa tattica, nessuna sorpresa. Eppure le armi a disposizione erano di tutto rispetto. Ecco solo alcuni nomi che ieri non si sono alzati dalla panchina degli inglesi rimanendoci per tutti i novanta minuti: Sancho, Bellingham, Calvert-Lewin ma anche Trippier e Chilwell potevano essere utili per sfondare sulle fasce. Tanti giovani talenti che Southgate non sembra saper mettere insieme e creare un collettivo. Tante individualità che però rimangono fine a se stesse. E questo è anche il motivo per cui Kane non segna (e non tira): nessuno lo serve nel modo adeguato. Ieri Sterling, Mount e Foden non sono stati in grado di creare un’occasione per il loro capitano cercando spesso la giocata personale e mai l’assist decisivo.

La differenza dunque tra Belgio o Francia ma anche la stessa Italia, rispetto all’Inghilterra sta qui: un ct bravo a mettere insieme e far coesistere tanti talenti facendoli rendere al meglio. Riuscirà Southgate a trovare la quadra dopo due prestazioni non esaltanti?