Inter-Verona, Inzaghi: “Abbiamo fatto una grande partita”

Ecco le dichiarazioni di Simone Inzaghi, rilasciate a Dazn al termine di Inter-Verona.

09/04/2022

20:24

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Il tecnico dell’Inter, Simone Inzaghi, ha parlato ai microfoni di Dazn al termine del match contro il Verona, valido per la 32a giornata del torneo. Ecco le sue parole.

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Inter, le parole di Inzaghi

Sulla prestazione
“Abbiamo preparato bene la partita. Sapevamo della loro forza, venivano da un’ottima striscia e hanno il secondo miglior attacco, e sapevamo che dovevamo approcciare bene. Nel secondo tempo abbiamo gestito, ma abbiamo dato un segnale importante. Mancano ancora tante partite, ma questa vittoria è stata importantissima anche per una questione di continuità.”

LEGGI ANCHE: Inter-Verona 2-0, Barella e Dzeko regalano la vittoria a Inzaghi

Su Dimarco dall’inizio
“Dimarco ha delle caratteristiche molto importanti e sapevo che oggi avrebbe potuto far bene. Ho una squadra importante e devo fare delle scelte, ma sapevo che lui avrebbe potuto dare un grande contributo.”

(Photo by MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Sull’approccio della squadra
“Abbiamo fatto un tuor de Force non indifferente. Nelle ultime partite non sono arrivati i risultati e la testa era pesante. Non riuscivamo a giocare come volevamo, sono periodi che capitano a chiunque. Oggi abbiamo fatto una grande partita contro una squadra difficile da affrontare.”

Sul percorso e lo scudetto
“H0 sempre avuto fiducia nella squadra e nel nostro percorso. Sapevo fin dall’inizio dei rischi nel prendere le redini di una panchina del genere. Ci sono state difficoltà e abbiamo fatto sacrifici, ma abbiamo lavorato tanto e la squadra ha sempre dato tutto per la causa. Stiamo lavorando bene e siamo li a lottare.”

Su Gosens al posto di Correa
“Robin sta crescendo, si sta allenando bene e ha bisogno di giocare. Perisic è in forma e poteva giocare in quella posizione, mi sembrava ingiusto toglierlo per la partita che stava facendo, e Correa aveva esigenza di uscire.”