Italia, Bernardeschi: “La delusione è tanta. Bisogna rimboccarsi le maniche”

Le dichiarazioni di Federico Bernardeschi sull'Italia, sul suo futuro dopo la sconfitta con la Macedonia e in vista dell'Argentina.

30/05/2022

08:30

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

L’esterno dell’Italia, Federico Bernardeschi, è stato intervistato sul canale Twitch della FIGC. L’attaccante ha parlato della sfida imminente dell’Italia contro l’Argentina e del contraccolpo subito con l’eliminazione dai Mondiali. Di seguito le sue parole riportate da Tmw.

Italia, le parole di Bernardeschi

Sulla sfida con l’Argentina

“Quando giochi contro una nazionale così forte e con una storia come l’Argentina devo è sempre meraviglioso. Inoltre siamo a Wembley e c’è in palio un trofeo: meglio di così non si può avere. Sarà una grandissima partita tra due grandi squadre ricche di campioni. Sarà veramente bello da vivere e giocare”.

Sull’addio di Chiellini

“Per quello che ha trasmesso e dato a questa maglia, oltre che alla maglia della Juve, è uno unico. Ha trasmesso mentalità, il senso del sacrificio e del lavoro. Tutti abbiamo imparato molto da lui, sia a livello umano che professionale. Quando chiudo gli occhi e lo vedo alzare la coppa a Wembley è una delle immagini che mi porterò dietro per tutta la vita. Mi mancherà vederlo esultare come se avesse segnato dopo aver salvato un gol in area”.

Come ripartire?

“Con la vittoria dell’Europeo abbiamo dimostrato ancora una volta che nelle difficoltà l’Italia si compatta di più. Esce fuori l’anima italiana che ci ha sempre contraddistinto nella storia: bisogna ripartire da questo. Ora la delusione è tanta, abbiamo subito il contraccolpo. Nei momenti difficili sappiamo come rialzarci, rimboccarci le maniche e andare avanti per ricostruire qualcosa di straordinario”.