Italia, Bonucci: “Mancini ci ha dato qualcosa di unico”

Al fianco del CT dell'Italia Roberto Mancini, ha parlato anche il difensore Leonardo Bonucci in conferenza stampa. Ecco quanto dichiarato.

28/03/2022

13:05

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Sono giorni delicati e di grande riflessione per il calcio italiano. La mancata qualificazione al Mondiale in Qatar, inevitabilmente, ha riaperto i dibattiti su cosa sarà del futuro della Nazionale. Oltre al CT dell’Italia Roberto Mancini, quest’oggi, ha parlato in conferenza stampa anche il difensore centrale della Juventus Leonardo Bonucci. Ecco quanto dichiarato, da Italia-Turchia al futuro del movimento italiano.

Italia, le parole di Bonucci in conferenza stampa

Italia Bonucci
(Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Se lascia Chiellini, sarai il nuovo leader di questa squadra. Come hai visto il gruppo?
Non co cosa farà Giorgio, ciò che succederà. Da parte mia c’è la voglia di continuare per essere da esempio e guida per i tanti giovani che vestono questa maglia. Le 48 ore successive all’eliminazione sono state davvero dure, ci siamo trovati a bocca chiusa e in silenzio a pranzo o negli spogliatoi. Abbiamo cercato di sdrammatizzare coi giovani, dicendo loro che avranno altre opportunità, poi dopo che ha parlato il mister ci siamo ricollegati al presente e al futuro che è adesso. Bisogna ripartire per ricostruire. Le basi ci sono per fare una grande risalita”.

Un commento su quanto accaduto nello spogliatoio di Palermo
Grosso errore da parte nostra, sicuramente la prossima volta faremo più attenzione a questi piccoli particolari che fanno la differenza. Chiederemo più attrezzature per pulire, faremo molta più attenzione e chiediamo scusa”.

Avete chiesto a Mancini di restare?
“Ciò che ci ha dato il mister in questi tre anni è qualcosa di unico. S’è creata una empatia che raramente si è creata dentro Coverciano, per noi continuare col mister è solo la logica conseguenza. Le sue idee, il suo valore umano non si discute. Poi in una partita secca il risultato può cambiare le visioni, ma chi vive tutti i giorni ha solo voglia di proseguire questo percorso”.

Nazionali

08:30

26/06/2022

Una delle più classiche storie di Cenerentola legate al mondo del calcio si verifica il 26 giugno del 1992. In quel giorno la...

Una delle più classiche storie di Cenerentola legate al mondo del calcio si...

08:30

26/06/2022

08:30

25/06/2022

Il 25 giugno 1988 è il giorno in cui l’Olanda, con il trio delle meraviglie, Gullit, Van Basten e Rijkaard, vince il suo...

Il 25 giugno 1988 è il giorno in cui l’Olanda, con il trio delle meraviglie,...

08:30

25/06/2022