Juventus, Locatelli: “Al Milan non ho retto la pressione, poi ho coronato il sogno”

Il racconto di Locatelli, dalla pressione del Milan all'arrivo nello spogliatoio della Juventus.

04/12/2021

07:15

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Francesco Pecoraro/Getty Images)

Il centrocampista della Juventus, Manuel Locatelli, nel contesto di un evento organizzato da uno sponsor, ha parlato dello spogliatoio bianconero e del percorso per arrivarci. Queste le sue parole, riportato dal sito ufficiale del club: “Per quanto riguarda il nostro mondo è fondamentale essere veloci in determinati momenti e saper rallentare in altri. Per me la velocità ha un’accezione positiva, se fai qualcosa velocemente è perché hai voglia di farla e hai voglia di raggiungere i tuoi obiettivi. Ci sono diversi tipi di velocità, fisicamente non è una delle mie caratteristiche principali, ma in campo è importantissima anche la velocità di pensiero. Ho iniziato da giovanissimo, mi allenava mio papà, poi sono passato prima all’Atalanta e poi al Milan e pian piano era tutto sempre più impegnativo. Devo ringraziare tanto i miei genitori che mi sono stati tanto vicino. Al Milan poi, a proposito di velocità, è stato tutto velocissimo e ho dovuto fare i conti con una pressione che non ho saputo gestire. A Sassuolo, dove mi hanno accolto splendidamente e fatto sentire importante, ho avuto la possibilità di rallentare e tirarmi su le maniche, ritrovarmi e poi giocare l’Europeo e coronare il sogno di vestire la maglia della Juve. La Juve è un continuo aggiornamento. Imparo ogni giorno da tutti i compagni, siamo un gruppo davvero molto unito. Imparare qui è facile perché giochi con tanti campioni. Faccio sempre l’esempio di Bonucci e Chiellini, due leader e due icone da cui prendo esempio ogni giorno, ma anche Dybala noti che ha qualcosa di diverso e poi, tornando alla velocità, Cuadrado è un giocatore che mi è sempre piaciuto ed è velocissimo!”.

LEGGI ANCHE: CIP Review sera – Il lungo stop di Kjaer in primo piano