Juventus, Vlahovic annullato da Bremer: ma la colpa non è sua

A forza di passi indietro il baratro si avvicina, e non agguantare il quarto posto sarebbe una Caporetto sportiva ed economica.

19/02/2022

13:40

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Valerio Pennicino, Onefootball.com)

“Era tutto un sogno”: il titolo dell’album musicale del rapper torinese Ensi, uscito nel 2012. Album dove, tra le tracce, si trova “Torino State of Mind”, che racconta del capoluogo piemontese e della divisione tra il bianconero e il granata: “Ogni centimetro è una storia che va raccontata Ha un cuore tricolore, bianco nero e granata!”.

Era tutto un sogno. Il titolo da dare a questa seconda parte di stagione della Juventus. Il Derby della Mole di ieri sera ha avuto la valenza di una sveglia, che interrompe il sonno più pesante, quello accompagnato da viaggi onirici che scompaiono nel momento in cui si aprono le palpebre. La delusione è grande perché la partita contro il Torino rappresenta un netto e deciso passo indietro. Non è il risultato a far storcere la bocca – è una banalità, ma il derby è davvero una partita a parte -, un pareggio contro il Toro si può mettere in conto; quello che non era prevedibile, prima del fischio d’inizio, era una prestazione così scadente, a tratti arrendevole. Nell’immediato post partita, sono diventate virali, sui social, le heat map della gara. Le mappe tematiche che restituiscono il posizionamento medio in campo delle squadre durante i 90 minuti. Quella della Juventus è sconvolgente: una squadra arroccata nei dintorni della propria area di rigore, incapace di alzare il baricentro. Quello che si è visto troppe volte nella prima parte di stagione, quello che sembrava essere un lontano di ricordo, dopo il mercato di gennaio.

LEGGI ANCHE: Capienza Stadi, si torna al 75%. Ma il 100% è dietro l’angolo

Juventus, che compito ingrato fare l’attaccante della Vecchia Signora!

A proposito del mercato di gennaio: il passo indietro di ieri sera rischia di essere come un canadair che vola basso e carico d’acqua sopra l’incendio causato dall’entusiasmo delle ultime settimane. Già alla vigilia un dato sembrava essere chiaro, il duello Vlahovic-Bremer sarebbe stato decisivo. Perché nell’attaccante serbo la Juventus nasconde le proprie difficoltà di costruzione del gioco, ma se questo viene annullato – come successo ieri grazie alla super prestazione del centrale granata -, ad essere annullata è tutta la squadra.

Vlahovic ha perso l’uno contro uno con Bremer. Nettamente, come già successo in Torino-Fiorentina. 2 a 0, palla al centro e appuntamento al prossimo scontro, a meno che le loro strade non si incrocino nella prossima sessione di mercato estiva. L’attaccante ha le sue responsabilità, le ha indicate Allegri nel post partita, ma la colpa non è sua. Oggi, fare l’attaccante della Juventus è un compito ingrato. Perché si gioca a 50-60 metri dalla porta, con ampie porzioni di campo da coprire in solitaria. Perché la Juventus si arrocca nella propria metà campo, incapace di alzare il baricentro, incapace di imbastire azioni pericolose. Insomma, come abbiamo già detto, un passo indietro rispetto alle ultime uscite. Ma attenzione, perché a forza di passi indietro il baratro si avvicina, e non agguantare il quarto posto sarebbe una Caporetto sportiva ed economica.

Correlati

12:49

19/02/2022

Il Sassuolo prepara la difficilissima trasferta della 26ª giornata di Serie A, che lo vedrà contro l’Inter. Dionisi sa...

Il Sassuolo prepara la difficilissima trasferta della 26ª giornata di Serie A, che...

12:49

19/02/2022

12:40

19/02/2022

Con una comunicazione quasi a sorpresa è stato dato il via libera per l’apertura degli stadi italiani al 75% della...

Con una comunicazione quasi a sorpresa è stato dato il via libera per...

12:40

19/02/2022

Serie A

12:47

01/10/2022

Il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Monza, valido per...

Il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, ha parlato in conferenza stampa alla...

12:47

01/10/2022

12:44

01/10/2022

Intervenuto in conferenza stampa, Massimiliano Alvini, allenatore della Cremonese, ha presentato la sfida di domani pomeriggio...

Intervenuto in conferenza stampa, Massimiliano Alvini, allenatore della Cremonese,...

12:44

01/10/2022