#LaStradaAzzurra – Ventottesima giornata

03/04/2021

00:30

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

foto Daniele Buffa/Image

La ventottesima giornata della Serie A 2020/2021 ha, con molta probabilità, strappato di forza lo scudetto dalla maglia della Vecchia Signora.

Con la clamorosa sconfitta interna contro il Benevento, infatti, la Juventus difficilmente potrà confermarsi con il decimo titolo nazionale consecutivo.

Per quanto riguarda le squadre che lottano per una qualificazione alle prossime coppe europee, sono arrivate delle ottime vittorie per il Milan, la Lazio, l’Atalanta e il Napoli.

I partnopei, dopo aver battuto i rossoneri, hanno vinto anche all’Olimpico contro la Roma.

Dunque, dal prossimo turno di campionato si prospetta un minicampionato di 10 turni, simile alla Champions League approvata nelle ultime settimane e che andrà in scena nelle stagioni future.

Per quanto riguarda la lotta per la salvezza, le quattro indiziate alla retrocessione stanno facendo apparentemente di tutto per mettersi i bastoni tra le ruote: sconfitte pesanti per Crotone, Parma, Cagliari e Torino.

Anche per loro saranno decisive le prossime 10 partite. Ancora nulla è deciso e se un paio di loro dovesse anche trovare una continuità insperata, con molta probabilità potrebbero rientrare in questa lotta anche le squadre che si trovano nelle posizioni limitrofe.

Posticipata la partita tra Inter e Sassuolo, con le solite polemiche che hanno interessato gli addetti ai lavori e che hanno infiammato ulteriormente le varie tifoserie agguerrite.

Verrà recuperata, come Juve-Napoli, mercoledì 7 aprile.

Per quanto riguarda i calciatori italiani che giocano nei principali quattro campionati esteri, buonissime prestazioni da parte di Florenzi e Verratti (nel suo ruolo di inizio carriera, ovvero trequartista) nella sfida tra PSG e Lione. Neanche un minuto in campo per Piccini e Cutrone (con la maglia del Valencia) e Mannone e Pellegri (con la maglia del Monaco).

Passiamo adesso ai due podi di questa giornata.

Top 3:

  • Scamacca: +3 punti. È stato nell’occhio del ciclone del calciomercato invernale. Sembrava che dovesse diventare la quarta punta della Juventus. È rimasto in Liguria ad alternarsi con Destro o altri compagni di reparto. Con la sua doppietta ha probabilmente salvato il Genoa prima del previsto e inevitabilmente affossato il Parma nelle sabbie mobili. Un ottimo prospetto per il futuro.
  • Pellé: +2 punti. Il gol è stato stupendo ed è finito sul podio dei top essenzialmente per il gesto tecnico. Per il resto, ha fatto la sua solita partita. Sportellate a destra e a manca, un paio di guizzi e qualche movimento da boa pura. La dirigenza ha deciso di affidarsi a lui per tentare la salvezza. Al momento, però, i risultati sono stati piuttosto scarni.
  • Candreva: +1 punto. All’Inter avrebbe fatto panchina al giovane Hakimi. Alla Sampdoria, invece, sta dimostrando tutto il suo valore. Con la bella vittoria sul Torino, grazie al suo gol, con estrema probabilità anche i doriani hanno raggiunto la salvezza in largo anticipo.

Flop 3:

  • Dimarco: -3 punti. Il peggiore dell’intero turno di campionato. Contro l’Atalanta ha visto il pallone praticamente solo una vola: quando ha fatto fallo da rigore. Juric lo ha sostituito dopo i primi 45’ di gioco. Delusione totale. Evidentemente non può giocare nella difesa a tre.
  • Bernardeschi: -2 punti. Sembrava che fosse arrivata la sua risalita e invece… Un passo avanti e due dietro. Nella posizione di terzino sinistro non è riuscito momentaneamente a trovare la sua identità. Come esterno di centrocampo ormai gli vengono preferiti altri uomini. Uno dei peggiori della disfatta allo Stadium.
  • Cristante: -1 punto. Stagione molto particolare per l’ex di Milan ed Atalanta. Per giocare deve essere schierato in ruoli diversi rispetto a quelli con cui era abituato fino a un paio di stagioni fa. Sembra sempre un pesce fuor d’acqua. Contro il Napoli è stato protagonista di una gara incolore.

Concludiamo la nostra rubrica con classifica generale de #LaStradaAzzurra.

Classifica generale:

1) Barella, Chiesa, Kean +8;

2) L. Insigne, Zaccagni +7;

3) Berardi, Destro +6;

4) Quagliarella, Soriano +5;

5) Castrovilli, Immobile, Mancini +4;

6) Acerbi, Belotti, Caputo, Politano, Scamacca, Silvestri, Spinazzola, Zaza +3;

7) Candreva, Dimarco, Florenzi, Gollini, Jorginho, Ogbonna, Pavoletti, Pellé, Pessina +2;

8) Audero, Biraghi, Bonucci, Buffon, Consigli, Grifo, Lazzari, Lo. Pellegrini, Rugani +1;

9) Caldirola, Caprari, G. Donnarumma, Faraoni, Frabotta, Izzo, Locatelli, Parolo, Sottil, Tonali, Tonelli, Venuti, Verdi -1;

10) S. Bastoni, Cataldi, Ceppitelli, Lasagna, Letizia, Mandragora, Perin, Saponara, Terzi -2;

11) Biraschi, Bonifazi, Calabria, Conti, Cristante, Depaoli, Gagliolo, Grassi, Luperto, Maggio, Mirante, Montipò, Petriccione, Poli, Orsolini, Regini, Rispoli, Schiattarella, Vignali -3;

12) Di Lorenzo, Marrone -4;

13) Bernardeschi, Masiello -5.

14) Ceccherini, Iacoponi -7.

Correlati

Il padre di Neymar, da Silva Santos, ha parlato con la radio britannica TalkSport dei Mondiali del rientro del figlio,...

Il padre di Neymar, da Silva Santos, ha parlato con la radio...

15:35

02/12/2022

15:27

02/12/2022

La Lazio vuole puntellare la propria difese e punta un difensore del Borussia Dortmund. Secondo Il Messaggero nel mirino...

La Lazio vuole puntellare la propria difese e punta un difensore del Borussia...

15:27

02/12/2022

Rubriche

08:30

26/11/2022

Il 26 novembre 1996 è una data scolpita nella storia della Juventus, che da allora non ha mai volato così alto. A Tokyo, quando...

Il 26 novembre 1996 è una data scolpita nella storia della Juventus, che da allora...

08:30

26/11/2022

08:00

26/11/2022

Il 26 novembre 1990, a Manchester, nasce Danny Welbeck. Fisico e veloce, a quindici anni entra nelle giovanili dello United, che...

Il 26 novembre 1990, a Manchester, nasce Danny Welbeck. Fisico e veloce, a quindici...

08:00

26/11/2022