Lazio, Hysaj canta ‘Bella Ciao’: alcuni tifosi lo insultano

Elseid Hysaj canta 'Bella Ciao' durante la tradizionale presentazione allo spogliatoio dei nuovi arrivati in un club. Alcuni tifosi, si sono scagliati contro di lui per la scelta, costringendo i compagni di squadra a cancellare i video sui social.

18/07/2021

16:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Credits: Jonathan Moscrop/Sportimage

Politica e calcio. Spesso entrano in contrasto. Così come i luoghi comuni che vedono la tifoseria della Lazio (tutta) ideologicamente verso destra. Nulla di più falso, anche se in passato e più di recente, alcuni gruppi hanno fatto gesti e dichiarazioni in tal senso. Spesso, però, si identificano decine o al massimo poche centinaia di persone come l’intera tifoseria di una squadra. Sbagliato, soprattutto per la Lazio che conta milioni di seguaci, tra Roma, il Lazio, l’Italia e il mondo. In ogni caso, l’ultima querelle legata alla politica nel mondo biancoceleste, è stata la classica canzone che i nuovi arrivati in uno spogliatoio devono cantare come ‘presentazione’ ai compagni. Ieri sera è toccato a Elseid Hysaj, acquistato dalla Lazio in questa sessione di mercato, vecchio pupillo di Maurizio Sarri già da Empoli, poi anche al Napoli.

Dopo la vittoria per 0-10 contro la Top 11 del Cadore, tutti i giocatori si sono ritrovati a cena insieme. Qui, il 27enne albanese, ha cantato una canzone, ‘Bella Ciao‘: sui social, diversi tifosi, si sono scagliati, anche pesantemente, sulla decisione, essendo considerata una canzone di sinistra, pur essendo semplicemente ‘l’inno’ dei Partigiani durante la Liberazione dal nazifascismo. Questi ‘tifosi’, quindi, hanno insultato su Instagram il calciatore della Lazio, il quale si è ritrovato costretto – lui ed i suoi compagni – a cancellare le Instagram Stories pubblicate. Tutto ciò a prescindere se la scelta sia stata determinata da una possibile passione del calciatore per la serie di Netflix ‘La Casa de Papel’, che ha reso internazionale questa canzone, prima limitata al territorio italiano.

LEGGI ANCHE: Lazio, Sarri contro alcuni tifosi ad Auronzo che contestano Muriqi

Un gesto da condannare, molto grave. La Lazio, in ogni caso, non è fascista. La Lazio è stata nominata Ente Morale il 2 giugno 1921 e non ha nessun credo politico. Alcuni ‘tifosi’, invece, dovrebbero distinguere le due cose o per lo meno evitare di insultare i propri calciatori, per una canzone. Soprattutto se la cosa più importante del video, sarebbe stata l’aver incitato la squadra a vincere un trofeo nella prossima stagione.

Correlati

Il suo nome completo è Luka Romero Bezzana e di lui se ne parla molto bene. Tralasciando i paragoni come “è il...

Il suo nome completo è Luka Romero Bezzana e di lui se ne parla molto bene....

14:40

18/07/2021

Sul tavolo delle trattative, per il calciomercato della Lazio, spunta il nome di Adnan Januzaj. Il belga, classe 1995,...

Sul tavolo delle trattative, per il calciomercato della Lazio, spunta il nome di...

09:20

18/07/2021

Serie A

13:42

21/07/2021

Lucas Leiva è intervenuto in conferenza stampa dal ritiro della Lazio ad Auronzo e ha parlato del lavoro che il gruppo sta...

Lucas Leiva è intervenuto in conferenza stampa dal ritiro della Lazio ad Auronzo e...

13:42

21/07/2021

13:20

21/07/2021

Alle ore 19 di Sabato 29 luglio sarà inaugurato il Diego Armando Maradona. In contemporanea verrà mostrata anche la statua...

Alle ore 19 di Sabato 29 luglio sarà inaugurato il Diego Armando Maradona. In...

13:20

21/07/2021