Lipsia, Tedesco: “Tifosi rendono il calcio divertente. Quanto mi sento italiano? Molto…”

L'allenatore del Lipsia Domenico Tedesco ha parlato in un un'intervista diffusa dal club tramite i propri canali.

13/01/2022

16:00

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by CHRISTOF STACHE/AFP via Getty Images)

In un’intervista diffusa dai canali del Lipsia il tecnico del club Domenico Tedesco, subentrato cinque settimane fa, ha parlato del momento attuale della squadra.

Le parole di Tedesco

Il tecnico italiano ha toccato vari temi tra cui quello di vivere l’atmosfera dello stadio del Lipsia sold out e di altre curiosità. Queste le dichiarazioni diffuse dal sito ufficiale.

LEGGI ANCHE: Serie A, lettera di Dal Pino al Governo: “Il calcio merita aiuti concreti”

“È stato sicuramente positivo. Abbiamo appena trascorso un’intera settimana con la squadra, dopo aver avuto solo l’esperienza di una doppia partita settimana prima, con il ritmo di giocare “mercoledì, sabato, mercoledì, sabato”. Questa volta è stato molto utile, soprattutto per conoscere meglio il club, i suoi dipendenti e i processi. Ci sono molti volti nuovi, molto da elaborare ed è molto divertente. Non proprio. Sono stato uno studente all’RB Leipzig per due mesi nel 2015, quindi sapevo già un po’ della città e del club. All’epoca, avevo più tempo per esplorare Lipsia. Da quando sono diventato capo allenatore, sono arrivato in città solo due volte, quando siamo usciti a mangiare con lo staff”. 

C’è qualcosa che ti ha davvero sorpreso dell’RB Leipzig?

“Non proprio. Sono stato uno studente all’RB Leipzig per due mesi nel 2015, quindi sapevo già un po ‘della città e del club. All’epoca, avevo più tempo per esplorare Lipsia. Da quando sono diventato capo allenatore, sono arrivato in città solo due volte, quando siamo usciti a mangiare con lo staff. 2015? All’epoca, l’RB era una squadra di seconda divisione e oggi è un club di alto livello in prima divisione con una grande squadra. Ma potevo già dire nel 2015 che questo era un club ben strutturato che sapeva dove volevano andare. Anche nei loro 2 giorni di Bundesliga, RB Leipzig aveva già una squadra davvero forte con molti giocatori che sono ancora al club come Péter Gulácsi, Willi Orban, Marcel Halstenberg, Lukas Klostermann, Emil Forsberg e Yussuf Poulsen. Non posso davvero fare altri paragoni. Il club è davvero cresciuto e i ragazzi sono migliorati molto”.

I nostri giochi continuano a essere giocati a porte chiuse. Questo ha influenzato il tuo stile di coaching?

“In realtà non è così; Alleno come farei in una partita con molti tifosi presenti. La differenza è che i giocatori possono sentirmi molto più chiaramente. La differenza principale per me tra avere tifosi ai giochi o meno è l’emotività di esso. Finora abbiamo giocato in trasferta ad Augsburg e abbiamo avuto tre partite in casa, e non c’è stata quasi differenza nelle partite oltre al viaggio. Direi anche che il vantaggio di casa è significativamente ridotto. Non ho ancora avuto alcuna forma di contatto con i tifosi, ed è quello che mi piace davvero e che rende il calcio divertente per me. Stadio? Assolutamente! Nella stagione in cui sono arrivato secondo con lo Schalke, la prima partita della seconda metà della stagione è stata una sconfitta per 3-1 qui a Lipsia. Lo stadio era pieno, era una partita super e un’atmosfera super. Potevi sentire il rumore salire mentre Lipsia entrava nella nostra metà. È stato incredibile vedere e i tifosi hanno davvero portato la squadra quel giorno. È stata dura come squadra ospite, perché quel giorno dovevamo giocare contro l’intero stadio”. 

Partita contro lo Stoccarda? È sicuramente un gioco speciale per me. Abbiamo vissuto a soli 500 metri dallo stadio per otto anni. Ho iniziato la mia carriera di allenatore al VfB e ho lavorato con quasi tutte le squadre giovanili. Andavo spesso allo stadio da bambino, e per quanto riguarda la mia casa, VfB è la mia squadra. Detto questo, non sono nervoso all’idea di tornare a Stoccarda. Ci vado come parte dell’RB Leipzig e vogliamo vincere la partita. Sei in grado di concentrarti rapidamente sull’attività da svolgere. Quanto sono italiano? Mi viene sempre chiesto questo. Sono molto italiano, entrambi i miei genitori sono di lì. Potremmo esserci trasferiti in Germania quando avevo due anni e mezzo, ma abbiamo trascorso ogni vacanza estiva in Italia e anche molti dei nostri parenti vivono lì. Quindi direi che sono molto italiano”.