Longari in Esclusiva a CiP: “Il Barcellona ha fatto ‘all-in’, grosso azzardo”

Gianluigi Longari è intervenuto nel nuovo format di Calcio in Pillole: Cip Football Bar Summer Edition. Ecco le sue dichiarazioni.

12/08/2022

17:41

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by PAU BARRENA/AFP via Getty Images)

Anche nella giornata odierna è andato in scena il format pensato dalla nostra Redazione: CIP Football Bar Summer Edition. Tutti i giorni dal lunedì al venerdì, per tutto il mese d’agosto, saremo in diretta su tutti i nostri canali social di CiP insieme al Senior Editor di Sportitalia Gianluigi Longari. La puntata odierna è stata condotta dal nostro caporedattore Luigi Matta. Di seguito ecco le dichiarazioni che Longari ha rilasciato in esclusiva ai nostri microfoni.

CIP Football Bar Summer Edition: le dichiarazioni di Longari

Il Barcellona sta facendo un autentico azzardo. Oggi ha attivato la cosiddetta ‘quarta leva’ per riuscire a registrare i nuovi acquisti. Non c’è il rischio che possa essere un esempio negativo per altri club? Anche perché con questi acquisti può sicuramente ottenere ottimi risultati sul campo

“Sicuramente il Barcellona sta facendo ‘all-in’ quest’estate. E’ un grande rischio, non so neppure quanto calcolato dalla società perché, comunque, sta anticipando gli incassi che sarebbero stati predisposti dai diritti televisivi ecc. per i prossimi anni. E’ rischioso, assolutamente sì. Dal punto di vista tecnico, sicuramente, i giocatori che sono arrivati rendono la squadra immediatamente competitiva, costruendo il cosiddetto instant team, aiutando ad ottenere risultati da subito sul campo e, contestualmente, aumentando ricavi da merchandising, diritti televisivi e quant’altro che aumenterebbero gli introiti.

Ripeto: è un grosso rischio, ‘frutto velenoso’ della gestione dissennata di Bartomeu e, ovviamente, il Barcellona ne sta pagando le conseguenze. Abbiamo visto anche la questione De Jong, con quel rinnovo che ha di fatto raddoppiato il suo ingaggio quando Bartomeu ha lasciato il Barcellona. Laporta ha dovuto, fin da subito, fronteggiare un aumento spropositato del monte ingaggi perchè, quel tipo di clausola che riguarda De Jong, riguardava anche altri giocatori che, pur avendo un ruolo marginale, si sono ritrovati ad avere ingaggi da top player della Premier League. Una situazione economica ai limiti dello ‘sfracello’. Penso che, inoltre, affinché possano essere registrati i nuovi acquisti, sarà necessario – già in giornata – un abbassamento dell’ingaggio da parte di Piqué che potrebbe venire incontro alle difficoltà del club”.

Capitolo Icardi. Galtier lo ha praticamente fatto fuori dal PSG. Che prospettiva futura può avere ora? Può ancora essere determinante in una big, specialmente se ricordiamo la prima ‘versione’ dell’Inter?

“Il punto è che non è più quel giocatore dell’Inter. Il problema è questo. Era sicuramente tra i top-5 in Europa, ma ora non lo è più a causa di scelte dissennate di chi lo assiste ma anche e soprattutto sue. All’Inter, nel 2019, era il centravanti titolare, capitano, reduce dalla prime convocazioni con l’Argentina. Un anno dopo aveva già perso tutto, era finito fuori rosa all’Inter e ora è fuori dal progetto PSG non avendo conseguito quello che desiderava. Ha perso il posto in Nazionale e non è considerato praticamente da nessuno per una prospettiva di alto livello. Ce ne sono sicuramente di club che punterebbero su di lui, ma non sono club che possono permettersi il suo ingaggio. Tu hai citato Galtier ma Wanda Nara ha detto che resterà e che ‘per liberarlo servono tanti soldi’ e, in questo momento, nessun club di primo livello può investire su un calciatore che, a gennaio/febbraio, aveva deliberatamente smesso di giocare perché doveva recuperare il rapporto con la moglie. Nessun top club investe su uno che non mette come priorità il proprio lavoro”.

Parliamo di Juventus. Abbiamo affrontato giorni fa l’argomento ‘difesa’. I bianconeri stanno per cedere Luca Pellegrini all’Eintracht. Non sarebbe stato meglio puntare su di lui o Cambiaso? Parliamo di due giovani molto interessanti in questa fase di transizione per la Juve

“Sono d’accordo. Consideriamo anche che, all’Eintracht, Pellegrini andrà praticamente a prendere il posto di Kostic. Le operazioni non erano legate ma si sono incastrate. Sicuramente avrebbero meritato una chance entrambi. Per quanto riguarda Cambiaso, l’esperienza a Bologna, può fargli molto bene perchè ha bisogno di giocare con continuità. Io avrei puntato su Pellegrini però mi rendo anche conto che, per avere Kostic, probabilmente serviva un sacrificio ‘accettabile’. Per costi e ingaggio, il prestito era sicuramente più percorribile per poi avere Kostic, pur parlando di due operazioni separate”.

Concluderei con una domanda secca: le tue tre favorite per la vittoria della prossima Champions League

Barcellona, Manchester City e Bayern Monaco”.

Correlati

20:30

30/09/2022

Il noto quotidiano britannico Times ha stilato una top 11 della nostra Serie A, con l’intento di costruire una squadra che...

Il noto quotidiano britannico Times ha stilato una top 11 della nostra Serie A, con...

20:30

30/09/2022

20:00

30/09/2022

Diogo Dalot potrebbe tornare in Italia. Il terzino portoghese si sta imponendo al Manchester United dopo qualche battuta a vuoto...

Diogo Dalot potrebbe tornare in Italia. Il terzino portoghese si sta imponendo al...

20:00

30/09/2022

Multimedia

19:57

29/08/2022

La Redazione di Calcio in Pillole, in collaborazione con quella di Consigli Fantacalcio (una delle migliori realtà nel mondo del...

La Redazione di Calcio in Pillole, in collaborazione con quella di Consigli...

19:57

29/08/2022

15:52

29/08/2022

Calcio in Pillole cresce e non intende fermarsi. Anche questa stagione vogliamo continuare a raccontarvi quello che amiamo: il...

Calcio in Pillole cresce e non intende fermarsi. Anche questa stagione vogliamo...

15:52

29/08/2022