Mercato Juventus, sempre Morata il nome per l’attacco: servono 20 milioni

Il mercato estivo della Juventus potrebbe essere quello dei ritorni. Dopo Pogba, continuano i contatti frequenti con l'Atletico Madrid per Alvaro Morata.

20/07/2022

11:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

Spain's forward Alvaro Morata celebrates scoring the opening goal during the UEFA Nations League, league A group 2 football match between Spain and Portugal, at the Benito Villamarin stadium in Seville on June 2, 2022. (Photo by CRISTINA QUICLER / AFP) (Photo by CRISTINA QUICLER/AFP via Getty Images)

Il mercato estivo della Juventus potrebbe essere anche definito come quello dei ritorni. E’ tornato Paul Pogba a parametro zero dopo la parentesi al Manchester United, potrebbe tornare per la seconda volta anche Alvaro Morata. La punta è tornata all’Atletico Madrid dopo il prestito biennale alla Juventus, ma con la famiglia vorrebbe tornare nuovamente in Italia alla corte della Vecchia Signora. Allegri stravede per lo spagnolo, che può ricoprire come si è visto più ruolo in fase offensiva, e farebbe di tutto per riportarlo a Torino. I contatti fra le parti sono frequenti con la Juventus che sicuramente farà un tentativo concreto per prelevare nuovamente Morata.

morata-vlahovic
Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Mercato Juventus, scocca di nuovo l’ora di Morata? Contatti con l’Atletico frequenti

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, Alvaro Morata il primo ed unico nome per l’attacco della Juventus. Allegri avrebbe in mente solo lo spagnolo per il #Juolo di esterno (in attesa del ritorno di Federico Chiesa) nonchè di vice Dusan Vlahovic. Il ritorno all’Atletico Madrid è dipeso dal fatto la Juventus non abbia esercitato il riscatto al prestito biennale fissato a 35 milioni di euro. Lo spagnolo è tornato in patria, ma presumibilmente sarà solo una visita di passaggio. Le porte della Juventus sono sempre aperte per l’attaccante con l’Atletico che potrebbe aprire alla formula di un nuovo prestito, questa volta con un obbligo di riscatto fissato ad una cifra vicina ai 20 milioni di euro.

LEGGI ANCHE: Champions League, Playoff: tris del Ludogorets, pari del Midtjylland