Mercato Milan, De Ketelaere è sempre più vicino a vestire rossonero

Il belga non ha giocato l'amichevole con il Bruges: probabile la chiusura dell'affare in settimana.

10/07/2022

12:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by PAUL FAITH/AFP via Getty Images)

Charles De Ketelaere è sempre più vicino al Milan. Il belga non ha preso parte all’amichevole giocata dal Bruges. Indizio importante sul suo prossimo futuro. Che sarà rossonero.

Milan De Ketelaere contropartite
(Photo by KURT DESPLENTER/BELGA MAG/AFP via Getty Images)

Milan, De Ketelaere out per l’amichevole del Bruges

L’indizio è chiaro ed evidente. Come succede spesso, i giocatori in partenza vengono esclusi dalle amichevoli estive dei propri club. È appena successo con Nicolò Zaniolo alla Roma. E l’episodio si è ripetuto a Wageningen, in Olanda, dove il Bruges ha giocato un’amichevole contro il Copenaghen. Charles De Ketelaere non ha messo piede in campo nei 120 minuti di gara disputati tra i belgi e i danesi – vinta da questi ultimi per 4-2 ai supplementari. E come sottolinea la Gazzetta dello Sport, il 21enne non ha nemmeno effettuato il riscaldamento pre match con i compagni. È rimasto tutto il tempo in panchina. Un indizio pesante sul suo proseguimento di carriera – un altro obiettivo milanista, Noa Lang, ha invece giocato 60 minuti.

LEGGI ANCHE: Milan, si accelera per il rinnovo di Tomori: il punto

Non è un mistero che il Milan abbia messo gli occhi su di lui da tempo e la trattativa tra i rossoneri ed il Bruges sia in piedi. Nonostante l’inserimento del Leeds che offre denaro sonante, De Ketelaere vuole trasferirsi in Italia, dove troverà i connazionali Origi e Saelemaekers. 30 milioni l’offerta dei rossoneri al club belga – tra parte fissa e bonus -, 2 milioni a salire per 5 anni al giocatore. La sensazione è che manchi davvero poco a sbloccare l’affare. Secondo quanto riporta il quotidiano QS, possibili sviluppi già durante la prossima settimana. La volontà delle parti è evidente, manca solo convincere il Bruges. Magari con l’inserimento di qualche contropartita tecnica gradita ai belgi – il nome forte è quello di Roback -, con l’aggiunta di una percentuale sulla futura rivendita di De Ketelaere – stimata attorno al 20%.