Messi: “Prima o poi tornerò al Barcellona, che belle le sfide con Ronaldo, Sergio Ramos fantastico”

Non ha tralasciato nulla, Lionel Messi, nella lunga intervista concessa a MARCA.

23/11/2021

08:23

• Tempo di lettura: 6 minuti

Tempo di lettura: 6 minuti

(Photo by Justin Setterfield/Getty Images)

Lionel Messi ha aperto le porte della sua casa parigina e rilasciato una lunga intervista al quotidiano spagnolo MARCA: “A Parigi? Ora sta andando molto bene. Mi sento completamente adattato, una volta che siamo stati in grado di trasferirci nella nostra nuova casa e i bambini hanno iniziato la scuola e la loro routine quotidiana. Abbiamo anche dovuto fare molti viaggi in Argentina per le qualificazioni, il che ci ha impedito di avere continuità. Ma mi sono ambientato bene nella vita”

Il PSG favorito per la Champions: “Tutti dicono che siamo i grandi favoriti e non nego che siamo uno dei candidati, ma abbiamo ancora bisogno di cose per essere una squadra davvero forte. Dobbiamo finire di consolidarci come squadra e abbiamo il vantaggio di avere grandi giocatori per riuscirci. Ma non siamo gli unici, ci sono altre grandi squadre che si candidano. La Champions League è una competizione molto difficile, che la rende così bella e speciale. Le squadre migliori ci sono e sta diventando sempre più complicato. Sì, siamo uno dei favoriti, ma non gli unici. Oggi il Liverpool sta molto bene, è tornato ad essere il Liverpool che ha vinto la Champions League. Poi ci sono City, Bayern, Madrid, Atlético… Ci sono molte squadre che possono lottare per questa Champions League, che è una delle più equilibrate e competitive degli ultimi anni. Il Real Madrid è sempre competitivo. La stessa cosa accade con l’Atlético e i due saranno lì a combattere. Sono due rivali molto difficili nello scontro diretto con due partite. Entrambi conoscono molto bene la competizione e come si gioca, motivo per cui sono senza dubbio due dei favoriti. Il Barcellona sta attraversando una fase di ricostruzione con una squadra in cui ci sono tanti giovani. Oggi penso che ci siano squadre migliori del Barcellona, ​​ma, sebbene ora diano quell’impressione, ciò non significa che in seguito non potranno combattere perché dobbiamo tenere conto dell’arrivo di Xavi

LEGGI ANCHE: Buffon: “Sarri? Appena arrivato alla Juve ha avuto degli attriti, per lui è stato avvilente”

Su Cristiano Ronaldo: “Lo United è una squadra molto forte con grandi giocatori. Cristiano conosceva già il club, ma era in un’altra fase e ora si è adattato in modo impressionante. Fin dall’inizio ha segnato gol come sempre e non ha avuto problemi ad adattarsi. In Premier non è così buono come tutti pensavamo, ma è una competizione molto difficile e uniforme in cui le cose prendono molte svolte. Dopo dicembre cambia molto e tutto può succedere. È passato molto tempo da quando abbiamo smesso di competere nello stesso campionato. Abbiamo gareggiato individualmente e in squadra per gli stessi obiettivi. È stato un palcoscenico molto bello per noi e anche per le persone perché si sono divertite molto. È un bel ricordo che rimarrà nella storia del calcio”

Mbappé al Real Madrid: “La verità è che non lo so. Solo lui sa cosa ha in testa e cosa farà. Posso solo dire che sono felice che sia rimasto qui quest’anno. È un giocatore molto importante per noi e per lottare per gli obiettivi che abbiamo. Ha la testa al cento per cento sui nostri obiettivi. E poi deciderà cosa farà a stagione finita. La verità è che non so cosa accadrà.”

Lo spogliatoio e Sergio Ramos: “Sono stato fortunato ad arrivare in uno spogliatoio con giocatori molto bravi e persone molto brave. Questo è il più importante. Il mio adattamento è stato molto veloce. È vero che all’inizio era molto strano. Da un lato c’è la difficoltà di trasferirsi in un nuovo posto dopo tanti anni nello stesso posto, ma dall’altro è stato molto facile perché conoscevo molti giocatori e lì si parla molto spagnolo. Ci sono persone molto brave. È uno spogliatoio molto affiatato, lo si vedeva già dall’esterno ed è una cosa che ho potuto confermare standoci dentro. L’impressione di trovare Sergio Ramos? Ora niente, ma all’inizio era strano dopo tanti anni di rivalità, essendo i due capitani di Barça e Madrid, dopo tante classiche giocate, tante risse che abbiamo avuto in campo… Ma tutto quello che è rimasto lì dentro e ci siamo sempre rispettati molto, non importa quanto siamo stati grandi rivali in quelle classiche. Averlo come partner oggi è uno spettacolo. A poco a poco si sta unendo a noi e speriamo che giocherà il più presto possibile perché sarà un calciatore fondamentale per lottare per gli obiettivi. Lo conoscevo già. È vero che non avevamo fatto grandi discorsi, ma in Lega ci siamo incrociati per tanti anni e ci eravamo parlati più di una volta. Avevo già un’idea di come fosse. Aveva ex compagni di squadra che erano stati con lui nella squadra spagnola quindi lo conoscevo già. E ora che abbiamo ricevuto più cure qui a Parigi, ho visto che è una persona fantastica.”

Il Barcellona: “Xavi? Può contribuire molto. È un allenatore che sa molto, conosce perfettamente la casa e vive a Barcellona da quando era bambino.  Sarà un allenatore molto importante per i giovani calciatori perché insegnerà loro. Con lui la squadra crescerà molto. Non ho alcun dubbio. Parlo spesso con Xavi. Da sempre. Siamo amici, abbiamo condiviso tante cose e da quando se n’è andato siamo rimasti in contatto. Non ricordo cosa gli ho detto nel messaggio, gli ho fatto i complimenti per questo nuovo passaggio e gli auguro ogni bene. Sicuramente farà molto bene perché sa molto, è un gran lavoratore e conosce bene la casa. Koeman? Sei sempre ingiusto con gli allenatori. È stato ingiusto con Koeman, con Valverde… Quando ci sono risultati negativi la cosa più semplice è prendere di mira l’allenatore, cambiare lui e non i giocatori. Koeman è arrivato in un momento molto difficile al club in cui sono partiti giocatori importanti, ma è riuscito a lanciare tanti giovani. Come dicevo, la cosa più semplice è sempre dare la colpa all’allenatore. E lo sanno anche perché è la loro professione. Dani Alves? La verità è che il suo ritorno mi ha sorpreso, soprattutto in questo momento. Penso che possa essere una buona aggiunta, proprio come nel caso di Xavi può essere importante per i giovani. Li aiuterà a crescere perché è una persona vincente e trasmette molto. Lo farà con i giovani, sia in partita che in allenamento. Perché contribuirà molto anche fuori dal campo con il suo lavoro quotidiano, l’impegno e la voglia di vincere sempre”

Sull’addio: “Non lo so. Ma è così, me ne sono andato e il tempo è passato. Quello che mi hanno detto è che non potevano rinnovarmi e che non potevo restare. Non devi cercare altri colpevoli o vedere cosa è successo. Confermo quello che mi hanno detto e basta. Ho sempre detto che prima o poi tornerò a Barcellona perché è casa mia e perché ci vivrò. E ovviamente se posso contribuire e aiutare il club mi piacerebbe tornare.”

Ligue 1

20:44

02/12/2021

Una settimana sotto i riflettori per Lionel Messi. Prima il discusso Pallone d’Oro che, gran parte della platea di...

Una settimana sotto i riflettori per Lionel Messi. Prima il discusso Pallone...

20:44

02/12/2021

21:08

01/12/2021

Nella sedicesima giornata di Ligue 1, le partite delle 19 sono state chiuse con tantissimi gol. Lo Starsburgo ne fa 5 al...

Nella sedicesima giornata di Ligue 1, le partite delle 19 sono state chiuse con...

21:08

01/12/2021