Milan, Bakayoko: “La polizia ci ha messo in pericolo di vita”

Bakayoko è tornato a parlare dell'incidente avuto con la polizia due giorni fa. Il centrocampista ha voluto dare una propria versione dei fatti.

20/07/2022

14:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

AC Milan's French defender Tiemoue Bakayoko (C) celebrates with teammates during the UEFA Champions League first round Group B football match between Club Atletico de Madrid and AC Milan at the Wanda Metropolitano stadium in Madrid on November 24, 2021. (Photo by OSCAR DEL POZO / AFP) (Photo by OSCAR DEL POZO/AFP via Getty Images)

Il Milan ha dovuto fare i conti con l’incidente capitato a Tiemoue Bakayoko con la polizia nei giorni scorsi. Il centrocampista francese è stato scambiato per un’altra persona ed è stato fermato e perquisito come un criminale nel pieno centro di Milano. La scena è stata ripresa dal telefono di un passante, il cui video è girato sui social. Dopo due giorni è stato lo stesso Bakayoko a chiarire ciò che è avvenuto.

Milan, incidente Bakayoko-polizia: le parole del francese

Sui proprio profilo di Instagram, Tiemoue Bakayoko ha tenuto a chiarire cosa fosse successo due giorni fa con la polizia. Il centrocampista francese ha sottolineato l’atteggiamento sbagliato da parte delle forze dell’ordine che non hanno chiesto al giocatore neppure i documenti, ma sono passati direttamente alla perquisizione.

LEGGI ANCHE: Serie B, definiti orari e date delle prime tre giornate di campionato

Queste le parole di Bakayoko: “Il problema non è l’errore ma la metodologia utilizzata. Mi sono ritrovato l’arma ad un metro da me e del passeggero. Ci hanno chiaramente messo in pericolo a prescindere dalle ragioni che hanno portato a fare questo”: lo dice il calciatore del Milan Tiemoue Bakayoko commentando nella notte sul suo profilo Instagram il fermo da parte della polizia di Milano ad armi in pugno, ripreso con un video pubblicato sui social. “Le conseguenze – spiega – sarebbero potute essere più gravi se non avessi mantenuto la calma, se non avessi avuto la possibilità di fare il lavoro che faccio ed essere riconosciuto in tempo“.