Connect with us

Serie A

Milan, svolta Theo Hernandez: con l’Atalanta ancora da centrale? Dipende da lui

Published

on

Rinnovo Theo Hernandez

Il Milan, rinfrancato in campionato dalla doppia vittoria contro Fiorentina e Frosinone, sta preparando a Milanello la sfida di sabato pomeriggio (ore 18) sul campo dell’Atalanta. Stefano Pioli deve fare i conti con l’emergenza in difesa e, come riferito dalla Gazzetta dello Sport, la composizione della line difensiva e del conseguente ruolo di Theo Hernandez dipenderà da Simon Kjaer.

Milan, con l’Atalanta Theo ancora centrale? Dipende da Kjaer

kjaer

(Photo by Getty Images)

Il centrale danese, che oltre all’affaticamento muscolare avuto prima di Napoli-Milan ha riportato poi una leggera lesione, è clinicamente guarito ma ha un’infiammazione che non gli permette di forzare alcuni movimenti.

La situazione sembra comunque in netto miglioramento e i prossimi giorni saranno decisivi per capire se Kjaer si renderà disponibile per la sfida di Bergamo contro la sua ex squadra.

In ogni caso, difficilmente Pioli deciderà di schierarlo dal primo minuto dopo oltre un mese di assenza e per questo, in caso di convocazione, il classe ’89 andrà in panchina.

Theo Hernandez dunque si appresta a disputare la sua seconda partita da difensore centrale dopo l’ottima prova fornita sabato sera contro il Frosinone in coppia con Tomori. A sinistra dovrebbe rivedersi ancora Florenzi con Calabria confermatissimo sulla corsia opposta.

Theo centrale: il retroscena di Pioli

theo hernandez

(Photo by Getty Images)

Sul ruolo occupato da Theo Hernandez contro il Frosinone è spuntato anche il retroscena di Stefano Pioli.

Proprio il francese ex Real Madrid ha proposto al tecnico questa soluzione vista la grande emergenza infortuni che andrà tamponata a gennaio con uno o due innesti.

Un notevole segno di disponibilità e di attaccamento al gruppo che ha messo a tacere le tante voci di dissapori proprio col tecnico emiliano.

Theo si prepara ad affrontare il suo ex compagno di squadra, De Ketelaere, in una sfida che potrà dire molto non solo sulle ambizioni rossonere in campionato ma anche sul futuro del belga.