Milan, vetta e cinismo da big. Ora arriva il tour de force

Sesta vittoria consecutiva in campionato contro un avversario di grande valore. Ora arrivano sfide di fuoco per il Milan di Stefano Pioli.

27/10/2021

09:15

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

9 vittorie e 1 pareggio in 10 partite giocate. Eguagliata la storica partenza di Bela Guttman, 67 anni dopo. Un dato che può voler dire tutto, come può voler dire niente in questa fase di campionato ancora agli albori. Sicuramente inquadra lo spirito e il carattere del Milan di Stefano Pioli. Il match vinto ieri sera, contro il Torino di Juric, era di quelli che presentava innumerevoli insidie. I rossoneri, come già visto contro Verona e Bologna, non sono perfetti e brillanti come nelle prime uscite stagionali, pagando ancora in modo importante assenze di un certo calibro e un forte dispendio energetico ma, al netto di un match di grande sacrificio, portano a casa tre punti d’oro.

Sorride il tecnico Stefano Pioli che si gode un Milan cinico e mutevole. In assenza di Brahim Diaz – pronto al rientro con la Roma dopo la negatività al tampone – è Rade Krunic a diventare l’assistman di Olivier Giroud, ‘spizzando’ il pallone che il francese deposita in rete decidendo il match. In mancanza di Maignan, è Tatarusanu a salvare il risultato nel momento critico del match, sfoggiando due interventi – seppur stilisticamente non all’altezza di quelli del portiere ex Lille – decisivi per portare i tre punti a Pioli. La forza del gruppo, nello spirito, nella convinzione e nella piena consapevolezza di cosa occorra fare in campo.

LEGGI ANCHE: Milan-Torino 1-0, Giroud regala la vetta ai rossoneri

Il Torino non va a San Siro a fare da sparring partner, anzi. I granata sfoggiano – come detto dallo stesso Juric nel post partita – probabilmente la miglior prestazione stagionale, gestendo per lunghi tratti il pallino del gioco, e costruendosi almeno due provvidenziali occasioni da rete. Ma il Milan di Pioli sa cambiare veste, in base all’avversario e al momento di forma.

Meno controllo del campo, ma eguale incisività e solidità. Ora arriva un autentico tour de force per i rossoneri. Domenica sera ci sarà la sfida contro la Roma, seguita dal match decisivo di Champions contro il Porto, prima dell’atteso derby con l’Inter. Un tris di impegni da affrontare al meglio, con il pieno recupero di Theo Hernandez e Brahim Diaz e, auspicabilmente per Pioli, anche di Ante Rebic. Un trittico da non fallire prima della nuova sosta, per tirare di nuovo le somme e continuare a sognare.

Correlati

23:16

26/10/2021

Le parole di Pioli a Dazn, nel post Milan-Torino: “Abbiamo controllato la partita, difficile giocare contro il Torino,...

Le parole di Pioli a Dazn, nel post Milan-Torino: “Abbiamo controllato la...

23:16

26/10/2021

23:07

26/10/2021

Le parole di Ivan Juric nel post Milan–Torino: “Abbiamo fatto una grandissima partita, il Milan non ha mai tirato, se...

Le parole di Ivan Juric nel post Milan–Torino: “Abbiamo fatto una...

23:07

26/10/2021

Serie A

12:30

07/12/2021

L’amministratore delegato del Milan, Ivan Gazidis, ha rilasciato un’intervista a cuore aperto a Milan Tv in occasione...

L’amministratore delegato del Milan, Ivan Gazidis, ha rilasciato...

12:30

07/12/2021

11:00

07/12/2021

A due giorni dalla scadenza del termine ultimo per le offerte di acquisto del club, il futuro della Salernitana rimane in bilico....

A due giorni dalla scadenza del termine ultimo per le offerte di acquisto del club,...

11:00

07/12/2021