Napoli, Osimhen: “Il mio idolo è Drogba. Voglio far bene per la Nigeria”

Napoli, le parole di Osimhen in una lunga intervista. "Drogba il mio idolo. Rispondo sul campo alle critiche. So quello che valgo".

07/06/2022

20:40

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Gabriele Maltinti, Onefootball.com)

L’attaccante del Napoli Victor Osimhen ha rilasciato una lunga intervista ad NNF TV durante il ritiro della propria nazionale. Di seguito le parole del centravanti dei partenopei, tra club e Nigeria. Le sue parole riportate da il Corriere dello Sport.

Napoli Osimhen
Photo by Francesco Pecoraro, Onefootball.com)

Napoli, Osimhen: “Mi piace rispondere sul campo a chi critica. Il gol contro il Chelsea in Champions il più importante della mia carriera”

Il gol che ho segnato quando ero al Lille contro il Chelsea nella Champions League 2018/2019 credo sia il più importante di tutta la mia carriera. Molti miei amici erano tifosi dei Blues e mi avevano scritto prima della partita, dicendomi che volevano che segnassi. Volevano che potessi realizzare il mio sogno e quello è stato uno dei momenti migliori della mia carriera“.

LEGGI ANCHE: Napoli, sondaggio del Bayern per Osimhen ma ADL spara altissimo

Da piccolo sognavo Didier Drogba. Ma anche di poter ripetere quanto hann fatto con la Nigeria giocatori come Okocha, Kanu e Martins. Tutti noi ragazzi che giocavamo a calcio avevamo in comune questo sogno“.

A Napoli mi chiamano Osi. Mi piaccioni i film d’azione e di guerra. Ad esempio mi piace Mad Max. A volte vedo anche Rambo e film di questo genere“.

Mettere a tacere chi mi critica mi piace. Quelli che commentano in modo positivo o negativo, non si rendono conto che anche i calciatori sono esseri umani e a volte è bello riuscire a smentire qualcuno. Nella mia vita ci sono stati tanti momenti che mi hanno fatto capire che non dovevo preoccuparmi di ciò che viene detto. Ma solo concentrarmi, essere me stesso e andare avanti, dimostrando in campo quello che valgo“.

Nella mia infanzia io ed altri ragazzi andavamo a prendere le televisioni da un elettricista che le riparava vicino a casa mia. Eravamo un gruppo di 5-6 ragazzini e guardavamo quella tv immaginando quello che volevamo. Ci piaceva fare questo perché ci dava degli attimi di gioia. Poi si giocava anche a nascondino. Ho tanti ricordi della mia infanzia, perché molti di questi sono ricordi felici“.

 

Correlati

Il Napoli si avvicina a grandi passi ad un nuovo colpo di mercato. Come riportato da calciomercato.com infatti, il club...

Il Napoli si avvicina a grandi passi ad un nuovo colpo di mercato. Come riportato da...

13:40

04/06/2022

Rimanere aggiornati è importante. Non sempre si può stare al passo con le news che escono minuto per minuto. Lo puoi fare...

Rimanere aggiornati è importante. Non sempre si può stare al passo con le news che...

00:00

04/06/2022