Nati Oggi: Enrico Chiesa, il principe delle piazze toscane

Il 29 dicembre del 1970 nacque Enrico Chiesa, principe delle piazze toscane ed esempio sportivo ed umano.

29/12/2021

08:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Il 29 dicembre 1970, a Genova, nasce Enrico Chiesa, padre di Federico, giovane talento della Juventus. Enrico, invece, cresce nel Pontedecimo, prima di passare, nel 1987, alle giovanili della Sampdoria. In blucerchiato dovrà aspettare qualche anno, prima di prendersi la scena. Nel frattempo, va a farsi le ossa nelle categorie minori, prima al Teramo, in C2, e poi al Chieti, in C1. Tornato dall’Abruzzo, trova finalmente spazio nella Samp, dove nella stagione 1992/1993 gioca 26 partite, segnando un solo gol. Viene impiegato da esterno di centrocampo, non proprio il ruolo naturale di Enrico Chiesa. Che la stagione successiva va a Modena, in serie B, ancora una volta in prestito. Segna, da prima punta, 14 reti, insufficienti alla salvezza degli emiliani, ma fondamentali per la sua futura evoluzione tattica. Replica lo stesso bottino anche nella stagione 1994/1995, in serie A, ma con la maglia della Cremonese.

Alla fine, la sua vera consacrazione avviene solo l’anno successivo, quando, con la Sampdoria, segna 22 reti, in un tandem d’attacco spettacolare con Roberto Mancini. La stagione successiva passa al Parma, per 25 miliardi di lire, dove trova Hernan Crespo. Con i ducali, in tre anni, vince una Coppa Italia e la Coppa Uefa del 1999, di cui Enrico Chiesa sarà capocannoniere con 8 reti. In estate passa, a malincuore, alla Fiorentina, dove rimane per altre tre stagioni. La seconda delle quali, 2000/20001, segna ben 22 reti in campionato, e vince la sua seconda Coppa Italia. Un grave infortunio gli fa perdere quasi interamente l’annata successiva, che si conclude con la retrocessione e poi il fallimento della Fiorentina. Nel 2002, quindi, passa alla Lazio, per una sola stagione, prima di tornare in Toscana, al Siena.

LEGGI ANCHE: Per Zaniolo nessun rinnovo all’orizzonte, in estate possibile sacrificio

Nella città del Palio vive una seconda giovinezza, e le prime tre stagioni in Serie A chiude sempre in doppia cifra. Poi, dal 2006, l’età e gli acciacchi ne limitano la costanza, e dopo due stagioni al Valdarno, in Lega Pro, appende gli scarpini al chiodo, nel 2010. In Nazionale, nonostante la concorrenza di una delle generazioni più ricche di talento che l’Italia abbia mai avuto, Enrico Chiesa riesce comunque a ritagliarsi il suo spazio. Fa parte sia della spedizione di Euro ’96 in Inghilterra che di quella dei Mondiali del ’98 in Francia. Tra il 1996 e il 1999 mette insieme 17 presenze e 7 reti.

Correlati

21:00

28/12/2021

Il fantasista brasiliano del Milan, Junior Messias, intervistato da Carlo Pellegatti per StarCasinò Sport ha raccontato la...

Il fantasista brasiliano del Milan, Junior Messias, intervistato da Carlo Pellegatti...

21:00

28/12/2021

Il Barcellona, dopo aver ufficializzato il colpo Ferran Torres, si concentra ora sul fronte uscite e l’indiziato principe a...

Il Barcellona, dopo aver ufficializzato il colpo Ferran Torres, si concentra ora sul...

20:59

28/12/2021

Calcio e...

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha inviato una lettera al presidente UEFA Aleksander Ceferin. Il tema...

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha inviato una lettera al...

18:40

22/09/2022

21:55

20/09/2022

Grave lutto per Fabio Liverani. È infatti scomparsa prematuramente la moglie Federica. Ad annunciare la tragica notizia è stato...

Grave lutto per Fabio Liverani. È infatti scomparsa prematuramente la moglie...

21:55

20/09/2022