Nati oggi: Gary Lineker, simbolo di Leicester e macchina da gol

L'attaccante ha legato gran parte della sua carriera alla città dove è nato, ma ha vestito anche le maglie di Barcellona e Tottenham.

30/11/2022

08:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Il 30 novembre 1960, a Leicester, nasce Gary Lineker, uno degli attaccanti inglesi più forti della sua generazione. Cresciuto nelle giovanili della sua città natale, con la maglia del Leicester esordisce nell’allora Second Division nel 1978. Nella stagione successiva, arriva la storica promozione in First Division, dove Lineker mette insieme le sue prime presenze. L’avventura ai piani alti, però, dura poco: il club retrocede, e per tornare in First Division si dovrà aspettare la stagione 1983/1984. Che, per Lineker, è quella della consacrazione definitiva. Già nell’ultima annata in cadetteria aveva segnato 26 reti, e il ruolino non cambia di molto ai piani alti. Prima 22 gol, poi 24, che ne fanno il capocannoniere del campionato 1984/1985.

Numeri importanti, che gli valgono la chiamata dell’Everton. A Liverpool si conferma bomber implacabile, il migliore della First Division, con 30 reti, ma resta una sola stagione. Nel 1986 firma un contratto di sei anni con il Barcellona. In blaugrana sfiora due volte la vittoria del campionato, ma vince il suo primo trofeo importante, la Coppa della Coppe, nel 1989 in finale contro la Sampdoria. Lineker lascia la Catalogna ben prima della fine del suo contratto, nel 1989, perdendo così il ritorno alla vittoria del campionato e la prima Coppa dei Campioni del Barcellona. Nel 1989 torna in Inghilterra, al Tottenham, dove resta per tre stagioni, riconquistando già alla prima lo scettro di capocannoniere. Nel 1992 decide di chiudere con il grande calcio, e chiude la carriera in Giappone, con la maglia del Nagoya Grampus.

Le soddisfazioni maggiori, Gary Lineker, se le prende con la maglia della Nazionale inglese, indossata dal 1984 al 1992. Con 48 reti segnate è il terzo marcatore di sempre dietro a Wayne Rooney (50) e Bobby Charlton (49), ma il primo per gol messi a segno nelle fasi finali del Mondiale. Nel 1986, in Messico, si laurea capocannoniere, con 6 reti, di cui una nella sconfitta contro l’Argentina. Dopo i due gol di Maradona, è lui a provare a riaprirla, ma senza successo. Nel 1990, in Italia, segna altre 4 reti, compresa la doppietta che permette ai Leoni di superare il Camerun ai quarti di finale. Appesi gli scarpini al chiodo, Lineker si è riciclato in tv, come conduttore di programmi sul calcio e non solo.

Correlati

08:23

29/01/2023

I tifosi prendono posizione contro Nicolò Zaniolo. Il giocatore, reo di non aver accettato l’offerta del Bournemouth, è...

I tifosi prendono posizione contro Nicolò Zaniolo. Il giocatore, reo di non aver...

08:23

29/01/2023

08:00

29/01/2023

Introduzione, probabili formazioni e come vedere in TV la sfida tra Napoli e Roma, in programma questa sera alle 20:45 allo...

Introduzione, probabili formazioni e come vedere in TV la sfida tra Napoli e Roma,...

08:00

29/01/2023

Altro

È successo di tutto durante la Coppa Italia Primavera tra Napoli e Roma, che si è conclusa con una pesante squalifica per due...

È successo di tutto durante la Coppa Italia Primavera tra Napoli e Roma, che si è...

11:38

27/01/2023

22:19

26/01/2023

Dopo l’esordio di pochi giorni fa con la sua nuova squadra, Cristiano Ronaldo è tornato in campo per la Supercoppa...

Dopo l’esordio di pochi giorni fa con la sua nuova squadra, Cristiano Ronaldo...

22:19

26/01/2023