Nati Oggi: Massimo Oddo, il campione silenzioso

Il 14 giugno 1976 nasce Massimo Oddo. Diventerà Campione del Mondo con la Nazionale ai Mondiali tedeschi del 2006.

14/06/2022

08:30

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP via Getty Images)

Massimo Oddo nasce a Pescara il 14 giugno 1976. È un figlio d’arte: suo padre, Francesco Oddo, è un ex calciatore.  Nasce calcisticamente come difensore e può anche ricoprire il ruolo di terzino destro. Un cosiddetto Jolly della difesa. L’ex calciatore, ora allenatore, è da considerarsi come un campione “silenzioso e invisibile”. Si, perché nonostante non sia mai stato dal centro degli onori delle cronache, è sempre stato utile sia dentro che fuori dal campo da gioco.

Abbiamo detto un campione silenzioso e invisibile perché, nonostante le sue poche apparizioni, ha vinto tutto quello che c’era da vincere su un campo da calcio: scudetti, coppe dei campioni e, soprattutto, il campionato del mondo in Germania nel 2006.

Il difensore azzurro, quasi mai impiegato nella rassegna tedesca, ha collezionato una presenza contro l’Ucraina, nel quarto di finale vinto 3-0 grazie al goal di Zambrotta ed alla doppietta di Luca Toni.

Dopo il titolo mondiale, nel gennaio 2007 è stato acquistato dal Milan per 7.5 milioni di euro, ceduto dalla Lazio dopo aver vinto la Coppa Italia contro la Juventus. Con i rossoneri esordisce il 28 gennaio nel match vinto contro il Parma per 1-0. A fine stagione vince la Champions League contro il Liverpool, partendo nella formazione titolare.

Massimo Oddo
(Photo credit should read MUSTAFA OZER/AFP via Getty Images)

Dopo una breve esperienza nel Bayern Monaco, nel gennaio 2011 torna al Milan con il quale vince lo scudetto collezionando in tutto 7 presenze.

Massimo Oddo: la carriera da allenatore

La carriera come allenatore, a dicembre 2012. ha frequentato il corso di Coverciano, non ha avuto grande successo. Colleziona una serie di esoneri e di dimissioni tra Udinese, Crotone e Perugia; fa bene nel Pescara, in Serie B, dove il 16 maggio 2015 sostituisce il tecnico Marco Baroni. Il 22 maggio vince contro il Livorno e si qualifica per i Play Off. Dopo aver eliminato Perugia e Vicenza, si deve arrendere al Bologna. Dopo due pareggi, i felsinei ottengono la promozione grazie al miglior piazzamento nella stagione regolare. Nella stagione successiva però riesce a portare il Pescara in Serie A dopo aver battuto nei playoff Novara e Trapani. Sarà esonerato poi dalla panchina degli abruzzesi nella stagione 2016-2017 con la squadra all’ultimo posto.

Poco felice il suo ritorno a Pescara per la seconda avventura da allenatore, il 29 agosto 2020. Avventura molto breve, il 29 novembre viene esonerato. Al momento allena il Padova in Serie C ed ha appena perso la finale dei playoff contro il Palermo per il ritorno in Serie B.

Calcio e...

Il 27 giugno 2016 l’Italia di Antonio Conte elimina allo Stade de France di Saint Denis la Spagna campione d’Europa...

Il 27 giugno 2016 l’Italia di Antonio Conte elimina allo Stade de France di...

08:30

27/06/2022

Prima di CR7 il Real Madrid ha annoverato tra le sue fila un altro numero 7 leggendario: Raul Gonzalez Blanco, più comunemente...

Prima di CR7 il Real Madrid ha annoverato tra le sue fila un altro numero 7...

08:00

27/06/2022