Nati Oggi: ‘Totò’ Di Natale, l’eroe di Udine

Il 13 ottobre 1977, a Napoli, nasceva Antonio Di Natale. Storico centravanti dell'Udinese e sesto top-marcatore della Serie A, con 209 gol segnati.

13/10/2021

08:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Dino Panato/Getty Images)

Il 13 ottobre 1977, a Napoli, nasce Antonio di Natale, o più semplicemente, Totò. Cresce alla scuola calcio di Castello di Cisterna, affiliata all’Empoli, e a 13 anni sbarca nelle giovanili del club toscano. Dopo due anni in prestito in Serie C2, esordisce in maglia azzurra nel 1999, in Serie B. Per l’Empoli non sono anni facili, ma Di Natale, che gioca come esterno d’attacco, dà subito il suo contributo. Nella prima stagione segna 6 reti, in quella successiva 9, nel campionato 2001/2002 ben 16. Fondamentali per il tanto agognato ritorno in Serie A.

L’impatto con la massima serie è tutt’altro che traumatico, mette a segno 13 reti e i toscani si salvano, regalandosi un’altra stagione in Serie A. Al termina del campionato 2003/2004, l’Empoli retrocede, e Di Natale firma per l’Udinese. Con il club friulano inizia un binomio destinato a fare la storia. Il primo anno i friulano arrivano ad un sorprendente quarto posto, che vuol dire preliminari di Champions League. Brillantemente superati, tanto che nella stagione 2005/2006, Di Natale esordisce nella massima competizione continentale, segnando una storica doppietta al Werder Brema.

LEGGI ANCHE: Udinese, Forestieri: “Sto giocando poco ma aspetto la mia opportunità”

Negli anni successivi, l’Udinese sfiorò altre due volte la partecipazione in Champions League, cadendo però nei preliminari. Intanto, il suo compagno di reparto, Fabio Quagliarella, lascia il Friuli, e Di Natale, da attaccante esterno, si scopre punta centrale. Diventando, specie dalla stagione 2009/2010, uno dei marcatori più prolifici della Serie A. Vince per due volte consecutive il titolo di capocannoniere, nel 2010 con 29 reti e nel 2011 con 28 reti.

Alla fine della stagione 2015/2016, quando decide di appendere le scarpette al chiodo, è il sesto marcatore della storia della Serie A, con 209 gol. Il suo score con la maglia dell’Udinese è ancora migliore: 227 reti in 446 presenze. Nessuno come lui. In Nazionale ci arriva tardi, forse troppo: dopo una manciata di apparizioni tra il 2002 e il 2004 sparisce dai radar azzurri, perdendosi il Mondiale 2006. Rientra nel giro proprio in quell’anno, raggiungendo la finale degli Europei 2012 (persa 4-0 contro la Spagna), sua ultima apparizione in maglia Azzurra.

Correlati

08:00

12/10/2021

Le Origini Il 12 ottobre 1966, a pochi chilometri da Rosario, nasce Nestor Sensini, nipote di Pacifico Sensini, che nel 1911...

Le Origini Il 12 ottobre 1966, a pochi chilometri da Rosario, nasce Nestor Sensini,...

08:00

12/10/2021

23:45

08/10/2021

Tiene ancora banco la questione della riaprtura degli stadi. É stato ufficializzato che da metà ottobre sarà aumentata la...

Tiene ancora banco la questione della riaprtura degli stadi. É stato ufficializzato...

23:45

08/10/2021

Calcio e...

08:30

24/10/2021

La fondazione Il 24 ottobre 1857, quando l’avvocato Nathaniel Creswick fonda lo Sheffield Football Club, non pensava di...

La fondazione Il 24 ottobre 1857, quando l’avvocato Nathaniel Creswick fonda...

08:30

24/10/2021

08:00

24/10/2021

Gli inizi Il 24 ottobre 1985, a Liverpool, nasce Wayne Rooney. Cresciuto con addosso i colori dell’Everton, fa il suo...

Gli inizi Il 24 ottobre 1985, a Liverpool, nasce Wayne Rooney. Cresciuto con addosso...

08:00

24/10/2021