Parma, triste epilogo tra confusione e attacco ‘spuntato’. Krause non molli

03/05/2021

22:50

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo Massimo Paolone/LaPresse)

Dopo la rimonta subita nello scontro diretto dal Cagliari, lo spettro recessione era diventato realtà. Ora c’è la dura e crudele certezza aritmetica: il Parma torna in Serie B dopo la sconfitta di Torino. Un epilogo triste per la piazza ducale che torna nella seconda serie, a tre anni dall’emblematico ritorno in Serie A. Una promozione ‘purificatrice’ che cancellò i disastri compiuti dalla premiata ditta Ghirardi-Doca-Manenti. La stagione è iniziata sotto gli auspici d’entusiasmo del neo plenipotenziario Kyle Krause. Il patron americano ha cambiato molto, quasi tutto, fin dalle prime battute tra numerose operazioni di mercato e l’approdo di Fabio Liverani sulla panchina parmense.

Attacco senza cartucce

Liverani è durato poco meno di metà stagione, dando il via al D’Aversa bis. Nemmeno il ritorno dell’ex tecnico è stato d’impatto per una squadra rivisitata, colma di giovani e senza dei veri e propri leader. Ad acuire le fragilità, il rendimento disastroso del reparto offensivo degli emiliani. Gervinho (5 gol, ndr) non riesce più ad imporsi né dal punto di vista dell’esperienza, né dal punto di vista realizzativo. Hernani e Kucka, entrambi a 7 gol, sono coloro che devono rimediare alla ‘bulimia’ dei bomber, con un Cornelius mai davvero determinante e un Inglese vittima dei tanti infortuni.

I giovani come punto di ripartenza

Nella sessione estiva, Krause aveva provato la via dei giovani, portando a Collecchio Mihaila, Busi, Sohm e Valenti. A gennaio, il patron statunitense, porta a Parma altri giovani come Dennis Man e Zirkzee cercando anche l’esperienza di Graziano Pellé e la maturità di Andrea Conti dal Milan. Nessun effetto sortito. Molti giovani iniziano a mostrare grande qualità: Man su tutti, così come Valenti e Mihaila ma non basta. Il Parma retrocede ma ha una buona base da cui ripartite, la base giovane creata proprio da Krause che, adesso, deve continuare a far crescere il suo nuovo Parma, tra la ristrutturazione del Tardini e un organico che ha ampissimi margini di crescita.

Correlati

16:00

05/12/2022

L’esterno destro del Marocco (e del Paris Saint-Germain) Achraf Hakimi è intervenuto sulle pagine di Marca alla vigilia...

L’esterno destro del Marocco (e del Paris Saint-Germain) Achraf Hakimi è...

16:00

05/12/2022

15:38

05/12/2022

Il Mondiale di Qatar 2022 terrà ancora occupati la mente e il cuore di molti tifosi e appassionati ancora per poco meno di due...

Il Mondiale di Qatar 2022 terrà ancora occupati la mente e il cuore di molti tifosi...

15:38

05/12/2022

Serie A

15:38

05/12/2022

Il Mondiale di Qatar 2022 terrà ancora occupati la mente e il cuore di molti tifosi e appassionati ancora per poco meno di due...

Il Mondiale di Qatar 2022 terrà ancora occupati la mente e il cuore di molti tifosi...

15:38

05/12/2022

14:45

05/12/2022

In Italia ormai non si parla d’altro. Il caso che sta travolgendo la Juventus continua a tenere banco anche tra i massimi...

In Italia ormai non si parla d’altro. Il caso che sta travolgendo la Juventus...

14:45

05/12/2022