Connect with us

Serie A

Pinamonti sul futuro: “Sono pronto per una grande squadra”

Published

on

mercato Inter

Andrea Pinamonti è uno dei nomi più caldi del momento. L’attaccante nerazzurro in prestito all’Empoli sembra essere finalmente sbocciato. Il classe 1999 è reduce dalla doppietta con la quale i toscani hanno steso in rimonta il Napoli nell’ultimo turno di campionato. Sono 12 i gol in Serie A sino a questo momento in stagione per Pinamonti che non vuole più fermarsi. Dopo gli anni di Frosinone e Genova sponda rossoblù e la stagione di apprendistato agli ordini Antonio Conte all’Inter, il centravanti altoatesino sembra aver raggiunto la sua maturità ad Empoli. Il presente certo, ma un occhio da buttare anche al futuro perché al termine della stagione Pinamonti tornerà all’Inter che non ha ancora deciso se tenerlo oppure utilizzarlo come pedina di scambio durante il prossimo calciomercato estivo. Il calciatore intanto ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Ecco un piccolo estratto delle sue parole.

Pinamonti

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Pinamonti: “Voglio essere protagonista in una squadra importante”

“Fa molto piacere vedere che il mio nome inizia a girare, è molto gratificante dopo tanti sacrifici. Cerco di non ascoltare troppo le voci”.

“Sapere di avere estimatori in Italia e all’estero mi stimola a fare sempre di più per far sì che possano anche aumentare le pretendenti”.

“Il mio prossimo step sarà diventare un giocatore importante in una squadra importante. Voglio essere protagonista, non voglio più fare la comparsa. Questo è il mio obiettivo. Mi sento pronto per una grande squadra e di avere un ruolo all’interno di essa”.

“Per quanto riguarda la Nazionale, anche in questo senso mi sento pronto per far parte di un nuovo ciclo azzurro. Sono cresciuto tanto quest’anno e non mi pongo limiti. Entrare nel giro dell’Italia sarà un obiettivo, a partire dalla prossima stagione. Mancini non ha paura di lanciare i più giovani e se uno lavora bene, si impegna, migliora, non c’è un’età per la maglia Azzurra”.