Qatar 2022, guida ai gironi del Mondiale: il Gruppo F

Nel Gruppo F dei Mondiali di Qatar 2022 il Belgio dovrà vedersela contro i vice Camponi del Mondo in carica della Croazia. Marocco e Canada partono un gradino più indietro.

18/11/2022

20:57

• Tempo di lettura: 4 minuti

Tempo di lettura: 4 minuti

(Photo by YASSER AL-ZAYYAT/AFP via Getty Images)

Qatar 2022 si avvicina a grandi passi, e le Nazionali stanno limando gli ultimi dettagli per presentarsi in pompa magna ai gironi della più prestigiosa delle manifestazione calcistica. Andiamo dunque ad analizzare, nei giorni antecedenti all’inizio, tutti i vari gironi della competizione, ponendo la lente d’ingrandimento su tutte le Nazionali partecipanti. Procediamo quindi con l’analisi del girone che vede protagonisti i vice Campioni del Mondo in carica della Croazia: il Gruppo F. Oltre ai croati, all’interno del girone sono state inserite anche Belgio, Marocco e Canada.

Qatar 2022
(Photo by OZAN KOSE/AFP via Getty Images)

Qatar 2022, la presentazione dei gironi del Mondiale: il Gruppo F

Croazia

La nazionale allenata dal commissario tecnico Zlatko Dalic spera di ripetere l’exploit del Mondiale russo del 2018. I croati quattro anni fa riuscirono a raggiungere la finalissima dove si arresero solo allo strapotere francese. Riuscire a ripetere le gesta di quei giorni di Russia sarà molto complicato per Ivan Perisic e soci. Sarà l’ultimo Campionato del Mondo di Luka Modric e molti dei protagonisti della Grande Croazia ammirata in Russia lasceranno la nazionale dopo la fase finale in Qatar. La Croazia nel girone, sulla carta, dovrà contendere il primo posto al Belgio. Dalic dovrebbe schierare i suoi in campo con un 4-3-3. Tra i pali Livakovic. In difesa Stanisic, Sutalo, Gvardiol e Sosa. A centrocampo Modric, Brozovic e Kovacic. Il tridente sarà formato da Vlasic, Kramaric e Perisic.

Belgio

I belgi hanno l’ultima occasione per non passare alla storia come la nazionale della genarazione d’oro che non ha vinto nulla. Sulla carta gli uomini del commissario tecnico Roberto Martinez sono fortissimi, ma nei tornei internazionali questa forza non si è poi tramutata in vittorie. Romelu Lukaku non è al meglio della condizione fisica, ma se dovesse accendersi la stella di Kevin De Bruyne allora sognare in grande non sarà vietato. La porta sarà blindata da uno degli estremi difesnori più forti della propria generazione, quel Thibaut Courtois desideroso di vincere anche con la maglia della nazionale dopo i successi a livello di club. Martinez manderà in campo i suoi con il 3-4-2-1 formato da: Courtois; Faes, Alderweireld, Vertonghen; Meunier, Witsel, Tielemans, Carrasco; De Bruyne, Hazard; Lukaku.

Qatar 2022 Gruppo F
(Photo by Fran Santiago/Getty Images)

Qatar 2022, il Marocco

La nazionale del Marocco può essere la sorpresa del Gruppo F. Il commissario tecnico Hoalid Regragui ha a disposizione una rosa di assoluto valore. Basti pensare ad Achraf Hakimi a Noussair Mazaroui e al talento di Hakim Ziyech. Il peso dell’attacco sarà sulle spalle di Youssef En-Nesyri. Il Marocco nella propria storia ha raggiunto gli ottavi di finale in un campionato del mondo una sola volta a Messico ’86. I marocchini vorranno provare a riscrivere la storia del calcio del loro paese. L’impresa è certamente ardua ma la nazionale nord africana non parte battuta in partenza. Regragui dovrebbe mandare in campo i suoi con un 4-3-3 formato da Bono; Hakimi, Saiss, Aguerd, Mazraoui; Amallah, Amrabat, Harit; Ziyech, En-Nesyri, Boufal.

Canada

La nazionale del Canada si riaffaccia ad un fase del Mondiale a distanza di trentasei anni dalla prima e l’unica volta. I canadesi dopo Messico ’86 non hanno mai più disputato un campionato del mondo. Gli uomini guidati da John Herdam possono essere una mina vagante. Il talento e l’esuberanza non manca, basti pensare ad Alphonso Davies e Jonathan David. Il primo gioca al Bayern Monaco e sulla fascia sinistra sa svoltare le partite. Il secondo invece è in forza al Lille ed è un giocatore che sa come rendersi pericoloso sia nel ruolo di seconda punta che in quello di trequartista. Herdam è un allenatore maniacale nella preparazione delle partite e se è riuscito a riportare il Canada ad un Mondiale non è di certo per caso. La squadra dovrebbe schierarsi in campo con un 3-4-3 formato da Borjan, Johnsto, Vitoria, Miller; Buchanan, Hutchinson, Eustáquio, Adekugbe; David, Larin, Davies.