Qatar 2022, i grandi assenti al Mondiale: Mohamed Salah

Qatar 2022 si avvicina, e sono tante le stelle che non parteciperanno alla manifestazione iridata: una tra queste è Momo Salah.

17/11/2022

19:11

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Michael Regan/Getty Images)

Qatar 2022 si avvicina inesorabilmente al suo inizio, ma tra le stelle che non faranno parte della manifestazione ve ne è una fra le più luminose del panorama calcistico internazionale: la sfinge scarlatta Mohamed Salah. Il più grande monumento egiziano dai tempi di Tutankhamon non è riuscito a portare la sua Nazionale al più prestigioso degli eventi calcistici mondiali, mancando l’occasione di elargire la sua arte tra gli stadi qatarioti, che tanto avrebbero goduto di una cosi magnifica caratura tecnica.

Il tanto iconico quanto discusso match di qualificazione contro il Senegal di Koulibaly è destinato a rimanere nella storia del calcio africano, per via della grande quantità di laser puntati negli occhi di Momo durante l’esecuzione di quel “maledetto” calcio di rigore. Il conseguente errore non permise infatti alle sfingi di potersi qualificare ai Mondiali, e nonostante le polemiche e i tentativi di ricorso, il sipario si chiuse drammaticamente li, tra i fischi e i disordini fuori dallo stadio.

LEGGI ANCHE: Globe Soccer Awards: tutte le premiazioni della 13a edizione

(Photo by OLI SCARFF/AFP via Getty Images)

Qatar 2022: i Mondiali non godranno della magia di Salah

L’ala del Liverpool non farà parte della manifestazione iridata, ma questo non significa che per lui si siano esaurite le occasioni per riprovarci in futuro. Momo Salah ha infatti 30 anni, e il tempo per un ultimo potenziale Mondiale c’è tutto, visto che parliamo di un giocatore che sa curare molto bene il suo fisico, e che in carriera ha subito veramente pochi infortuni degni di nota. Il calciatore inoltre è sempre stato ambizioso ed estremamente competitivo, e ciò lascia presagire al fatto che non vorrà certamente perdersi la prossima opportunità. Resta il fatto che Qatar 2022 dovrà fare a meno di una delle più grandi espressioni tecniche del calcio odierno: un calciatore in grado di rivoluzionare il ruolo dell’ala e di raggiungere delle vette inimmaginabili, unendo dedizione, atletismo e l’innato dono della classe che da sempre lo ha contraddistinto.

Correlati

18:14

17/11/2022

Olivier Giroud, attaccante del Milan e della Francia, ha parlato in conferenza stampa dal ritiro della Nazionale. Di seguito le...

Olivier Giroud, attaccante del Milan e della Francia, ha parlato in conferenza...

18:14

17/11/2022

17:39

17/11/2022

Massimo Ferrero, ex presidente della Sampdoria, ha voluto rispondere con una lettera inviata a Sportitalia alle dichiarazioni del...

Massimo Ferrero, ex presidente della Sampdoria, ha voluto rispondere con una lettera...

17:39

17/11/2022

Qatar 2022

Nel documento fornito dalla società Gracenote sono state evidenziate le previsioni di vittoria a Qatar 2022. Secondo le ultime...

Nel documento fornito dalla società Gracenote sono state evidenziate le previsioni...

16:18

02/12/2022

Il padre di Neymar, da Silva Santos, ha parlato con la radio britannica TalkSport dei Mondiali del rientro del figlio,...

Il padre di Neymar, da Silva Santos, ha parlato con la radio...

15:35

02/12/2022