Real Madrid, Perez: “Superlega ancora viva. Su Mbappè tanta pressione”

Florentino Perez ha parlato della Superlega, di Mbappè e non solo, nel corso di una lunga intervista: le sue dichiarazioni.

16/06/2022

09:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Handout/Laureus via Getty Images)

Il presidente del Real Madrid, Florentino Perez, ha parlato ai microfoni di “El Chiringuito” della situazione legata alla Superlega e non solo. Dalla vittoria della Champions League alla contorta situazione Mbappè: ecco le parole del numero uno dei Blancos riportate da Goal.com.

Le parole di Perez: dalla Superlega a Mbappè

Perez superlega
(Photo by JAVIER SORIANO/AFP via Getty Images)

Su Ancelotti e la vittoria della Champions League

E’ una Champions League che ci ricorderemo per tutta la vita. Non si vince sempre, ma negli ultimi anni lo abbiamo fatto molto. Dagli ottavi di finale in poi abbiamo disputato tre partite magiche al ‘Bernabeu’. Per vincere servivano una serie di condizioni che sono state soddisfatte: come dice Ancelotti, i giocatori sono anche tifosi della squadra, e questo si vede in campo. Ci ho sempre creduto: come potevamo non cercare la rimonta contro il PSG a 20 minuti dalla fine?”.

LEGGI ANCHE: Real Madrid, Marcelo: “Volevo la Champions, vado via come il più vincente”

Sull’acquisto di Tchouameni

“Mbappé ha chiesto a Tchouameni se voleva seguirlo al PSG, lui gli ha risposto che voleva il Real. Sulle sue tracce, per quanto ne so, c’erano anche PSG e Liverpool”.

Perez sulla Superlega

Certo, la Superlega è ancora viva. A breve ci sarà un’udienza al Tribunale del Lussemburgo, riteniamo di avere il diritto di organizzare gare tra di noi. Se temevo che il Real venisse escluso dalla Champions? No, all’inizio dicevano tutti questo… Ma no”.

Sull’affare Mbappè

“Mbappé non mi ha tradito, ci ha trasmesso tutta la sua voglia di giocare con noi. Questo era il suo sogno, come ci aveva comunicato: ad agosto non lo hanno lasciato andare, il PSG ha rifiutato la nostra offerta. Abbiamo atteso un anno ma, 15 giorni prima del ‘sì’ definitivo, si è bloccato per via di pressioni politiche ed economiche, abbiamo notato il suo cambiamento. Ho visto un Mbappé che non era quello che volevo portare al Real, sembrava che il suo sogno non esistesse più. Lo ha chiamato anche Macron, su di lui c’era tanta pressione. Come diceva Di Stefano, nessuno è più grande del club. Questo è uno dei valori che non vogliamo cambiare. Per Mbappé provo ancora affetto. Le madri vogliono che i figli realizzino i loro sogni: in questo caso, però, a fare la differenza è stata la pressione politica di due stati, difficile da sostenere a 23 anni. Per legge non avremmo mai potuto sottoscrivere un pre-contratto con lui”.

Correlati

23:20

15/06/2022

Come riportato da un comunicato sul proprio sito ufficiale, la Real Sociedad ha ufficializzato l’acquisto del classe 2004...

Come riportato da un comunicato sul proprio sito ufficiale, la Real Sociedad ha...

23:20

15/06/2022

17:49

14/06/2022

Dopo 15 anni, Marcelo, saluta il Real Madrid. Nella giornata di ieri, si è tenuta la conferenza stampa d’addio e, in...

Dopo 15 anni, Marcelo, saluta il Real Madrid. Nella giornata di ieri, si è tenuta...

17:49

14/06/2022

Calcio Estero

23:40

27/06/2022

Tramit un post sul proprio profilo Instagram, il difensore danese del Chelsea Andreas Christensen ha voluto dire addio ai Blues,...

Tramit un post sul proprio profilo Instagram, il difensore danese del Chelsea...

23:40

27/06/2022

23:38

27/06/2022

Inizia l’avventura di Lorenzo Insigne come nuovo giocatore del Toronto. In questi minuti, l’ex capitano del Napoli,...

Inizia l’avventura di Lorenzo Insigne come nuovo giocatore del Toronto. In...

23:38

27/06/2022