Russia, la Federazione contro le sanzioni FIFA: “E’ discriminatorio”

La rivolta della Russia alle sanzioni della FIFA: "È esplicitamente discriminatorio e ha un impatto su un numero enorme di atleti, allenatori e nazionali".

03/03/2022

17:50

• Tempo di lettura: 1 minuto

Tempo di lettura: 1 minuto

(Photo by ANDREJ ISAKOVIC/POOL/AFP via Getty Images)

La Russia ha risposto alla decisione della FIFA e della UEFA di sospendere tutte le squadre russe dalle competizioni internazionali fino a nuovo avviso. Questa nuova iniziativa è stata presa a seguito dell’incursione delle armate di Putin nel territorio ucraino.

Russia, la Federazione risponde alle sanzioni

La Russia ha risposto così alle sanzioni della FIFA:

La Federcalcio russa (FUR) è categoricamente contraria alla decisione di FIFA e UEFA di sospendere tutte le squadre russe dalle competizioni internazionali fino a nuovo avviso. Riteniamo che questa decisione sia tanto una violazione di tutti gli standard e principi che regolano la competizione internazionale quanto contro l’etica della sportività e del fair play. È esplicitamente discriminatorio e ha un impatto su un numero enorme di atleti, allenatori e allenatori, dirigenti di club e nazionali e, soprattutto, milioni di tifosi russi e internazionali, i cui interessi, sicuramente, dovrebbero essere la priorità per tutte le organizzazioni sportive internazionali. Azioni di questo tipo sono estremamente divisive per la comunità sportiva internazionale. Quest’ultima, fino ad oggi, ha sempre aderito ai principi di uguaglianza, rispetto reciproco e indipendenza dalla politica. La FUR si riserva il diritto di impugnare questa decisione della FIFA e della UEFA, ai sensi del diritto sportivo internazionale.