Connect with us

Serie A

Sarri dopo Atalanta-Lazio: “Non ho la bacchetta magica”

Published

on

atalanta lazio

Atalanta Lazio – Le dichiarazioni del tecnico biancoceleste Maurizio Sarri al termine di Atalanta-Lazio, sfida terminata 3-1 per la Dea.

La Lazio collassa contro l’Atalanta perdendo 3-1 e dimostrando, almeno nella partita di oggi, una totale inferiorità rispetto alla compagine lombarda. Al termine del match, l’allenatore del club capitolini Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa.

Le parole di Sarri dopo Atalanta-Lazio

Di seguito, le sue dichiarazioni:

Sulla situazione di classifica                                                                                                                                                                                      La classifica diventa più pesante, diventa anche fonte di rammarico perché abbiamo sbagliato il 3-2 nel finale, avremmo potuto pareggiare i conti per quanto riguarda lo scontro diretto. L’Atalanta quando è in salute è un boccone amaro per tutti, hanno un modo di giocare che prevede di essere in grande condizione fisica e mentale. Io devo pensare ai giocatori, non mi posso mettere a pensare al mercato, ne sono completamente disinteressato, per me non è nemmeno cominciato. E la sconfitta di oggi ci allontana, è chiaro“.

Lo scorso anno ci fu una situazione analoga. Da cosa si riparte?
In queste situazioni c’è poco da fare, si valuta anche il livello degli avversari, stasera secondo me era elevatissimo. Fare drammi mi sembra controproducente, si sta parlando di una squadra top per quanto riguarda le partite in casa, dobbiamo ritrovare la brillantezza mentale“.

Quest’anno c’è grande difficoltà nel segnare
Io la bacchetta magica non ce l’ho, altrimenti non mi sarei fatto il culo per 40 anni. Ho visto cali di prestazioni individuali abbastanza evidenti, questa non è nemmeno la partita in cui è andata peggio, è chiaro che abbiamo giocatori che possono fare di più“.

Non si sente più al centro del progetto?
Le idee di Lotito non le conosco, queste sensazioni negative che dici te non ce l’ho. Se ti riferisci a quanto detto in estate per il mercato, non è mai così scontato far arrivare i giocatori che chiedi, ci sono tante situazioni. Quando perdi un minimo di preoccupazione nel sottofondo ce l’hai, oggi abbiamo trovato una squadra in salute che ci ha messo sotto per oltre 60 minuti, un fondo di giramento di c….i c’è“.

Chi può dare una scossa?
Io spero sempre di recuperarli tutti. Felipe Anderson sta dando qualche segnale, la speranza è che quel segnale ci riporti al rendimento a cui ci ha abituato. Loro oggi hanno dato la sensazione di essere più forti di noi, speriamo che non sia così nei prossimi mesi“.