Scozia, Robertson: “Giusto che i tifosi ci fischino, prestazioni non all’altezza”

La Scozia ha mancato l'accesso alla Coppa del Mondo, ieri hanno perso per 3-0 contro l'Irlanda in Nations League. Ne ha parlato il capitano Robertson.

12/06/2022

19:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by Charles McQuillan/Getty Images)

Il calciatore della Scozia, Andy Robertson, ha parlato della sconfitta per 3-0 contro la Repubblica d’Irlanda avvenuta ieri in Nations League: “I tifosi ci hanno fischiato? Completamente corretto. Sappiamo che hanno fatto un lungo viaggio, sappiamo che hanno parlato tanti soldi e la performance non è stata neanche lontanamente buona per la maglia scozzese”, riporta Sky Sports UK.

La Scozia, inoltre, ha mancato la qualificazione alla Coppa del Mondo dopo aver perso la semifinale playoff contro l’Ucraina ad Hampden Park, ma in Nations League era riuscita a vincere per 2-0 contro l’Armenia: gli scozzesi fanno parte della Lega B ed in particolare del Gruppo 1.

Robertson ha poi continuato: “Dovremo fare delle valutazioni come squadra, dovremo valutare anche individualmente e dovremo premere il pulsante di reset perché l’anno scorso tutto andava bene, ma quest’anno le prestazioni non sono state ancora all’altezza”.

Sugli avversari, l’Irlanda del Nord: “Sapevamo che erano sotto pressione, due sconfitte nelle prime due e probabilmente si stavano mettendo in discussione. Dovevamo affrontare la tempesta, ma non l’abbiamo fatto. Abbiamo concesso loro calci d’angolo facili, vinto grandi placcaggi che hanno fatto esaltare il pubblico e che hanno dato il tono alla partita e purtroppo non siamo entrati in partita fino a quando non siamo andati sotto per 3-0. La prestazione complessiva non è stata all’altezza e non è stata all’altezza di indossare la maglia della Scozia”.

Il capitano della Scozia Robertson ha poi aggiunto: “Abbiamo deluso il manager, il che è molto deludente per noi. Ci ha preparato in un certo modo e non l’abbiamo mai portato a termine. Ognuno di noi ha perso le proprie battaglie individuali, cosa che non può accadere in queste partite. Le seconde palle andavano a loro, vincevano i tackle e avevano le occasioni. E quando le cose vanno così, il risultato va in una sola direzione”.

Correlati

07:30

26/06/2022

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta in prima pagina nei giornali sportivi esteri di...

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta in...

07:30

26/06/2022

07:00

26/06/2022

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta, come ogni mattina, in prima pagina! Alla scoperta...

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta, come...

07:00

26/06/2022

Nazionali

08:30

25/06/2022

Il 25 giugno 1988 è il giorno in cui l’Olanda, con il trio delle meraviglie, Gullit, Van Basten e Rijkaard, vince il suo...

Il 25 giugno 1988 è il giorno in cui l’Olanda, con il trio delle meraviglie,...

08:30

25/06/2022

19:54

24/06/2022

Ultima gara del Girone A agli Europei Under 19 per l’Italia. La nazionale del commissario tecnico Carmine Nunziata è stata...

Ultima gara del Girone A agli Europei Under 19 per l’Italia. La nazionale del...

19:54

24/06/2022