Connect with us

Serie A

Serie A e i diritti tv: De Laurentiis ha un piano rivoluzionario in mente

Published

on

diritti tv serie a

E’ tema dibattuto di questi periodi quello legato ai diritti tv della Serie A. L’ultima idea sarebbe targata Aurelio De Laurentiis che vorrebbe intingere dei rapporti importanti su questo tema con Cook. Il patron del Napoli vorrebbe coinvolgere Apple nei prossimi diritti televisivi della Serie A dalla stagione 2024 alla stagione 2027.  Tutto ciò per il presidente partenopeo vorrebbe dare una grande visibilità al nostro campionato, oltre che proporre un piano del tutto rivoluzionario ed innovativo. Apple potrebbe decidere di accettare se l’offerta e tutto il progetto che ruota attorno si dimostrasse forte e prospettico.

De Laurentiis Mertens

(Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Serie A e i diritti tv: De Laurentiis medita la rivoluzione

Secondo quanto riportato dalla redazione de Il Corriere dello Sport, De Laurentiis sarebbe pronto a proporre una rivoluzione nel panorama dei diritti tv per la nostra Serie A. I rapporti fra il presidente del Napoli e Cook sarebbero ottimi da tempo, con il primo che sarebbe pronto a prospettare un grande futuro targato Apple per la nostra Serie A.  L’Apple ha già un servizio in streaming con fil  e serie tv a cui si è aggiunto anche il baseball in USA. Lo sport sarebbe il prossimo investimento e sarebbe un colpo importante quello di partire dalla nostra Serie A. Cook punta, infatti, ad entrare sempre di più nel mondo dello sport, De Laurentiis gli avrebbe prospettato la possibilità di acquisire i diritti del nostro campionato e l’ha invitato ad assistere ad una gara del Napoli dal vivo, al Maradona.

Un progetto che potrebbe spingere la casata americana a puntare sulla nostra Serie A con la Lega che rifletterebbe molto sul futuro del nostro campionato. La speranza, infatti, della nostra Lega sarebbe quella di integrare nei prossimi anni quanti operatori possibili e quindi non solo DAZN e Sky. De Laurentiis proporrà questa strada, innovativa e rivoluzionaria al Consiglio che poi avrà sicuramente l’ultima parola a riguardo.