Serie A, la Lega al lavoro per i diritti tv per il triennio 2024-2027

Serie A, nella prossima Assemblea di Lega si parlerà del futuro dei diritti televisivi del triennio 2024-2027.

24/06/2022

16:20

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by MARCO BERTORELLO, Onefootball.com)

Il portale Calcio e Finanza fa il punto della situazione in merito alla complessa questione riguardante i diritti televisivi della Serie A per le prossime stagioni.

diritti tv Serie A
(Photo by Claudio Villa, Onefootball.com)

Serie A, si ragiona già sui diritti tv del triennio 2024-2027. Resta l’idea del canale indipendente della Lega

Nonostante le problematiche occorse a DAZN nell’annata sportiva appena trascorsa, la piattaforma in streaming inglese ha mantenuto ancora l’esclusiva per le prossime due stagioni del campionato 2022/2023 e 2023/2024.

LEGGI ANCHE: Barcellona, Laporta: “Abbiamo bisogno di 600 milioni”

Ma la Lega Serie A guarda già al futuro e chi potrebbe essere il successore dell’attuaale detentore dei diritti tv per il nostro campionato. Il 30 giugno prossimo è infatti prevista una nuova Assemblea, dove tra i tanti temi sarò certamente affrontato quello relativo ai diritti televisivi.

Ovviamente non solo: sul tavolo anche il calcio femminile e la questione sponsorizzazioni per il prossimo biennio della Coppa Italia. Da discutere anche del “paracadute” Serie B (i fondi concessi alle squadre retrocesse).

Ma torniamo al tema dei diritti tv. In assemblea verrà affrontato il tema dei dirittit televisivi nell’area del Medio Oriente, aspetto che ha già portato a uno scontro tra l’AD della Lega Serie A Luigi De Siervo e il Presidente Lorenzo Casini.

Ma soprattutto a chi andrà l’esclusiva nel triennio 2024-2027, con DAZN che quasi sicuramente uscirà di scena dopo la scadenza del suo accordo. L’idea della creazione di un broadcaster autonomo (un canale indipendente gestito proprio dalla Lega Serie A) non è mai tramontata e potrebbe essere riproposta per le prossime stagioni.

Tornerà anche il dibattito sulla Media Company della Serie A, una tematica già sollevata dal Presidente Casini nei mesi scorsi.

Come rafforzare la Lega Calcio. Creare una Media Company e migliorare la struttura. La Lega ha poche decine di dipendenti, invece la Liga spagnola ne ha dieci volte tanto. Con poco sforzo, potremmo diventare un vero sostegno per i club e nel rapporto con le istituzioni. Potremmo fungere anche da supporto tecnico su temi come le infrastrutture e la commercializzazione“.

Correlati

21:00

23/06/2022

Il presidente de LaLiga, Javier Tebas, ha parlato ai microfoni di Tiempo de Juego della situazione finanziaria che sta...

Il presidente de LaLiga, Javier Tebas, ha parlato ai microfoni di Tiempo de Juego...

21:00

23/06/2022

07:00

21/06/2022

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta, come ogni mattina, in prima pagina! Alla scoperta...

Buongiorno a tutti dalla redazione di CIP – Calcio in Pillole, che vi porta, come...

07:00

21/06/2022

Serie A

16:00

13/08/2022

Intervenuto in conferenza stampa, Massimiliano Alvini, tecnico della Cremonese, ha presentato la sfida di domani contro la...

Intervenuto in conferenza stampa, Massimiliano Alvini, tecnico della Cremonese, ha...

16:00

13/08/2022

15:50

13/08/2022

Riparte la Serie A. Lunedì, alle 18:30, il Napoli di Spalletti inaugurerà il suo campionato 2022/23 contro l’Hellas...

Riparte la Serie A. Lunedì, alle 18:30, il Napoli di Spalletti inaugurerà il suo...

15:50

13/08/2022