Top players europei nel 2020: Dominik Szoboszlai

26/12/2020

10:00

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Andreas Schaad/Bongarts/Getty Images)

Il 2020 è stato senza dubbio anche l’anno di Dominik Szoboszlai: il classe 2000 ha preso la scena diventato protagonista assoluto del Salisburgo e della nazionale ungherese, raggiungendo traguardi davvero pazzeschi. Nell’ultimo anno il talento del numero 14 degli austriaci è esploso definitivamente, incantando tutti coloro che hanno avuto la fortuna di osservarlo almeno una volta.

2020, l’anno dell’esplosione di Szoboszlai

Appena entra in possesso del pallone ti accorgi che Szoboszlai è un calciatore che tratta la sfera in maniera diversa: eccezionale sotto l’aspetto tecnico, il 20enne ungherese è un vero jolly tattico. Un calciatore completo che a primo impatto può sembrare un trequartista ma che riesce benissimo a giocare in mezzo al campo, in particolare nella zona a metà tra la fascia e la trequarti centrale.

Szoboszlai ama infilarsi in quegli spazi, scambiare con il proprio terzino e allargarsi per puntare l’area e decidere cosa fare. Che siano cross, tiri o dribbling poco importa, in qualsiasi caso il risultato è fenomenale: nell’1vs l’ungherese è molto aiutato dalla sua tecnica spropositata, così come dalla fisicità che gli offre una grossa mano soprattutto nelle progressioni palla al piede.

Szoboszlai si è dimostrato un talento puro e cristallino ed è anche per questo motivo che il Lipsia ha deciso di prelevarlo dal Salisburgo per 20 milioni di euro (+ il 20% sulla futura rivendita). Un affare importante per il nuovo numero 17 della compagine di Nagelsmann, regolarmente a disposizione dal 9 gennaio (quando il Lipsia sfiderà il Dortmund in campionato).

Szoboszlai
(Photo credit should read ATTILA KISBENEDEK/AFP via Getty Images)

Szoboszlai, i numeri con il Salisburgo

Il gioiello cresciuto nelle giovanili del Videoton ha scelto il Lipsia per non strafare: sotto la guida di un fenomeno come Nagelsmann la crescita è assicurata, sia sotto l’aspetto tattico che sotto l’aspetto tecnico. Per quanto riguarda quello realizzativo sarà difficile migliorare i numeri visti nel 2020 con la maglia del Salisburgo: Szoboszlai infatti ha disputato 38 partite dove ha collezionato 16 gol e 23 assist. Numeri impressionanti per quello che non è un attaccante, ma un centrocampista capace di dare anche una mano in fase di costruzione e abbassarsi per facilitare lo svolgimento della manovra.

Il potenziale creativo e realizzativo dell’ungherese ha sorpreso tutti, incantando gli addetti ai lavori e i tifosi del Salisburgo, in lacrime per il suo addio. In totale nelle ultime 38 partite giocate con il Salisburgo Szoboszlai ha confezionato 39 gol sui 101 segnati dalla compagine austriaca, in pratica il 40%. Però la sua cessione a 20 milioni di euro si spiega soltanto con il nome della proprietà di Lipsia e Salisburgo, ossia la Red Bull.

Szoboszlai
(Photo credit should read JOE KLAMAR/AFP via Getty Images)

Un gol storico…

Un affare “familiare” per provare a fare crescere ancor di più il valore di un talento giovane e forte che nel 2020 ha fatto la storia anche in nazionale. In totale 12 partite e 3 gol per lui, uno dei quali di importanza storica.

In particolare parliamo del gol all’Islanda al 92′ nella sfida di ritorno per le qualificazioni in vista di Euro 2021. Un gol splendido e di importanza rara per un poco intero. La classica ciliegina sulla torta targata 2020 di Dominik Szoboszlai, un talento che nel 2021 avremo modo di osservare ancor più di vicino, e questo si che è un grande regalo.

Szoboszlai
(Photo by ATTILA KISBENEDEK/AFP via Getty Images)