Zidane: “Vado via perché non c’è fiducia in me”

Zidane saluta, ma lancia un messaggio forte a Perez.

31/05/2021

08:05

• Tempo di lettura: 5 minuti

Tempo di lettura: 5 minuti

Credit: imagoimages

Addio al veleno

Zinedine Zidane, a qualche giorno dall’annuncio del suo addio al Real Madrid, ha voluto affidare ad una lettera aperta i motivi della sua scelta. Indice puntato sulla società, e quindi su Florentino Perez, reo di non aver avuto fiducia in Zizou. Ossia, nell’allenatore capace di regalare 3 Champions League ai blancos. Club in cui il francese è arrivato esattamente venti anni fa, da stella del mercato di Perez, per poi diventare dirigente e infine allenatore, sempre inanellando un successo dopo l’altro. Di seguito, la lettera integrale con cui Zinedine Zidane ha salutato i propri tifosi, pubblicata da “Marca”.

La lettera 

Cari madridisti,

Per vent’anni, dal primo giorno in cui ho messo piede nella città di Madrid e ho indossato la maglia bianca, mi avete dato il vostro amore. Ho sempre pensato che ci fosse qualcosa di molto speciale tra di noi. Ho avuto il grande onore di essere giocatore e allenatore del club più importante della storia, ma soprattutto sono un madridista. Per tutto questo, ho voluto scrivervi questa lettera per salutarvi e spiegarvi la mia decisione di lasciare la panchina.

Quando a marzo 2019 ho accettato di tornare ad allenare il Real Madrid dopo una pausa di circa otto mesi, è stato perché me lo ha chiesto il presidente Florentino Pérez, certo, ma anche perché me lo chiedevate voi ogni giorno. Quando incontrvo uno di voi per strada sentivo il supporto e la voglia di rivedermi alla guida della squadra. Perché condivido i valori del Madridismo, di questo club che appartiene ai suoi membri, ai suoi tifosi, al mondo intero. Ho cercato di trasmettere io stesso questi valori in tutto ciò che ho fatto, ho cercato di essere un esempio. Passare vent’anni a Madrid è stata la cosa più bella che mi sia capitata nella mia vita e so che lo devo esclusivamente a Florentino Pérez, che ha scommesso su di me nel 2001, che ha lottato per me, per farmi venire quando c’era tanta gente contraria al mio arrivo. Lo dico di cuore, sarò sempre grato al presidente per questo. Per sempre.

Adesso ho deciso di partire e voglio spiegare bene i motivi. Vado, ma non abbandono la barca e non sono stanco di allenare. A maggio 2018 sono partito perché dopo due anni e mezzo con tante vittorie e tanti trofei sentivo che la squadra aveva bisogno di un nuovo corso per restare al top. Oggi le cose sono diverse. Me ne vado perché sento che la società non mi dà più la fiducia di cui ho bisogno, non mi offre il supporto per costruire qualcosa a medio o lungo termine. Conosco il calcio e conosco le esigenze di un club come il Madrid, so che quando non vinci devi andare. Ma qui è stata dimenticata una cosa molto importante, è stato dimenticato tutto quello che ho costruito quotidianamente, quello che ho contribuito nel rapporto con i giocatori, con le 150 persone che lavorano con e intorno alla squadra.

Io sono un vincitore nato ed ero qui per conquistare trofei, ma al di là di questo ci sono gli esseri umani, le emozioni, la vita e ho la sensazione che queste cose non siano state valorizzate, che non si sia capito che è anche così che si crea la dinamica di un grande club. Per questo, anzi, sono stato persino rimproverato.

Voglio si rispetti ciò che abbiamo fatto insieme. Mi sarebbe piaciuto che in questi mesi il mio rapporto con la società e con il presidente fosse stato un po’ diverso da quello degli altri allenatori. Non chiedevo privilegi, ovviamente no, ma un po’ più di memoria. Oggi la vita di un allenatore sulla panchina di un grande club è di due stagioni, poco di più. Perché duri più a lungo, i rapporti umani sono essenziali, sono più importanti del denaro, più importanti della fama, più importanti di tutto. E bisogna prendersene cura. Ecco perché mi ha fatto molto male quando ho letto sulla stampa, dopo una sconfitta, che sarei stato cacciato se non avessi vinto la partita successiva. Ha ferito me e tutta la squadra perché questi messaggi fatti arrivare intenzionalmente ai media hanno creato interferenze negative con lo staff, creato dubbi e incomprensioni.

Meno male che ho avuto dei ragazzi meravigliosi, che sarebbero morti per me. Quando le cose si sono messe male mi hanno salvato con grandi vittorie. Perché credevano in me e sapevano che credevo in loro. Certo, non sono il miglior allenatore del mondo, ma sono in grado di dare la forza e la fiducia di cui tutti hanno bisogno nel proprio lavoro, siano essi un giocatore, un membro dello staff tecnico o qualsiasi dipendente. So esattamente di cosa ha bisogno una squadra. In questi vent’anni al Madrid ho imparato che voi tifosi volete vincere, certo che lo vogliamo, ma soprattutto volete che diamo tutto, l’allenatore, lo staff, i dipendenti e ovviamente i calciatori. E posso assicurarvi che abbiamo dato il 100% di noi stessi per il club.

Approfitto di questa lettera anche per inviare un messaggio ai giornalisti. Ho fatto centinaia di conferenze stampa e purtroppo di calcio abbiamo parlato poco e so che anche voi amate il calcio, che questo sport ci unisce. Tuttavia, senza pretendere di criticarvi o darvi lezioni, avrei voluto che le domande non fossero sempre dirette alla polemica, che si parlasse più spesso del pallone e soprattutto dei giocatori, che sono e saranno sempre i più importante in questo gioco. Non dimentichiamo il calcio, pensiamo al calcio.

Cari madridisti, sarò sempre uno di voi“.

Zinedine Zidane

Calcio Estero

08:30

15/08/2022

Serata amara per il Marsiglia di Igor Tudor che nella seconda giornata della nuova Ligue 1 non va oltre il pareggio sul campo del...

Serata amara per il Marsiglia di Igor Tudor che nella seconda giornata della nuova...

08:30

15/08/2022

20:18

14/08/2022

Clima rovente a Londra. E no non centrano le alte temperature estive, ma quello che è successo in Chelsea–Tottenham, il...

Clima rovente a Londra. E no non centrano le alte temperature estive, ma quello che...

20:18

14/08/2022