Shakhtar Donetsk, De Zerbi: “Tanti assenti ma faremo una bella gara”

Il tecnico ha presentato in conferenza stampa la gara di domani contro l'Inter.

23/11/2021

17:25

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

Roberto De Zerbi, tecnico dello Shakhtar Donetsk, ha presentato in conferenza stampa la sfida di domani contro l’Inter. Le sue parole riprese da TMW.

SULLA GARA:Domani è una gara difficile: affrontiamo una squadra forte, in salute, con giocatori che giocano insieme da tanti anni, in uno stadio dove ci sarà molto entusiasmo. Noi però vogliamo fare la nostra partita e centrare i punti che possano consentirci di arrivare quantomeno al terzo posto. Non abbiamo vinto perché ce lo siamo meritato, anche se abbiamo fatto delle buone partite. Con Inter e Real Madrid possiamo anche perdere perché sono squadre di livello superiore al nostro“.

LEGGI ANCHE: Napoli, il chirurgo che ha operato Osimhen: “Aveva più di venti fratture”

SUI CAMBI RISPETTO ALL’ANDATA:Non ci saranno Alan Patrick e Ismaily, vediamo se recuperiamo Stepanenko. Le caratteristiche della squadra cambiano coi giocatori. Senza di loro avremo ancora più giovani, giocatori meno esperti e meno abituati a certe gare. L’identità però sarà quella, vogliamo fare la partita e portare i giocatori di qualità nelle migliori condizioni per esprimersi. Vediamo, ancora ho deciso poco dell’undici titolare“.

SU PEDRINHO:Pedrinho è entrato sabato, ha fatto mezzora ma non era brillante. Ora sta bene, non ha male alla caviglia e vedremo se e quanto potrà giocare. Siamo falcidiati da infortuni per giocatori importanti, mancherà anche Sudakov, ma abbiamo la squadra per fare una grande partita“.

SULLA PRESSIONE DEL RITORNO IN ITALIA:Io non la sento. O meglio, la sento sempre, anche in campionato. Chi fa questo lavoro sa che la pressione è un elemento che c’è sempre e devi saperla gestire. In Champions ancora di più perché è un girone da 6 gare, sono praticamente tutte da dentro o fuori“.

SULL’ESPULSIONE SUBITA IN CAMPIONATO:In Italia non sono mai stato espulso. E’ capitato domenica, ma c’erano i motivi per essere nervoso. E’ stato però un caso. Se mi chiedete se vivo le partite con trasporto dico di sì, ma non è un difetto. Il calcio è passione“.

SULLE ANALOGIE TRA SHAKHTAR E NAPOLI: “L’Inter ha battuto il Napoli con una grande partita. Ma non farei analogie, noi abbiamo poco a che vedere coi giocatori del Napoli“.

SULL’INTER E INZAGHI:Ho dato dei giudizi esterni, ma la partita col Napoli è una conferma di quanto pensassi prima. E’ andata sotto, poi l’ha ribaltata con tecnica, organizzazione e mentalità. Credo che il percorso degli anni precedenti sia stato fondamentale per acquisire questa mentalità. Noi nel nostro piccolo dobbiamo pensare a vincere titoli in Ucraina, poi potremo pensare a fare una Champions League migliore. Con questo non dico che domani saremo vittime: cercheremo di fare la partita, come fatto con l’Inter e nelle due col Real Madrid, cercando di concretizzare le occasioni che capiteranno“.

DIFFERENZE TRA L’INTER DI INZAGHI E QUELLA DI CONTE:Non è compito mio dirlo. Ma penso che Inzaghi stia facendo molto bene, ciò che sta facendo non è scontato. L’Inter era costruita ed allenata bene, ma mantenere certi standard è sempre difficile. In campionato lo ha dimostrato e pure in Champions League, per esempio col Real Madrid. Posso solo parlarne bene“.