Atletico Madrid, Simeone: “Al cinema penso se far giocare Felix o Correa”

Le parole del tecnico dei colchoneros che si è raccontato a "Olè".

13/10/2021

22:00

• Tempo di lettura: 3 minuti

Tempo di lettura: 3 minuti

Diego Pablo Simeone ha sempre messo il calcio davanti a tutto e non ne ha mai fatto un segreto. Prima da calciatore e ora da allenatore alla guida del suo Atletico Madrid.

In una lunga intervista rilasciata a “Olè”, il Cholo Simeone si è raccontato parlando anche di quanto ancora oggi il calcio occupi la sua vita e sia il suo primo pensiero.

“Il calcio si vive 24 ore al giorno, funziona così. Quando uno sta dormendo, da un’altra parte invece c’è uno che è sveglio e pensa mentre tu dormi, quindi il vantaggio ce l’ha lui. Ecco perché bisogna sempre essere all’erta. Dico sempre che il calcio è qualcosa di difficile da separare da tutte le distrazioni che si possono avere. Se vado al cinema, il film dura un’ora e mezza e per quanto possa essere bello se c’è l’intervallo o nel momento in cui la pellicola è più lenta, io comincio a pensare se devo far giocare Joao Felix oppure Correa. Ed è complicato spiegarlo a chi ti sta accanto. Ma nella tua testa non smetti mai di pensare, anche se vai a riposarti o a dormire. Molte volte il mio modo per rilassarmi o addormentarmi è quello di immaginare come posso mettere in campo la squadra”.

Ha poi parlato del campo, del modo di gestire i suoi giocatori e della sua mentalità.

“Voglio una squadra che sia competitiva perché, il giorno dopo, quello che conterà è se avrai vinto o avrai perso. L’unica cosa che vale è il campo perché il campo non mente. Dobbiamo cercare di far capire ai giocatori che è proprio il campo a mostrare quello che stiamo facendo. Non mi piace parlare coi singoli, sono stato giocatore e a prescindere da quello che gli allenatori mi dicevano io volevo solo giocare. Non devo raccontare storie o giustificare quello che sto facendo: il gruppo deve capire che voglio vincere e non m’importa nient’altro. Se vai al Bayern non hai altra scelta che quella di vincere. Se vai al City, al Barcellona o al Real è lo stesso. E perché allora non deve valere all’Atletico Madrid? Se non sei pronto a competere allora lascia il posto a un altro. L’allenatore e i giocatori non sono indispensabili, l’unico indispensabile è il club”.

Il Cholo ha poi concluso dando il giusto valore a quanto costruito con il suo Atleti.

“Quello che molti dimenticano è che noi abbiamo sempre a che fare con Real e Barcellona. Giochiamo la Coppa del Re e ci sono, giochiamo La Liga e  ci sono. Giochiamo la Champions e ci sono non solo loro ma anche City, Bayern, Liverpool e le altre. La cosa bella, però, è che abbiamo costruito qualcosa di così bello che ancora noi, ora, siamo obbligati a vincere”.

Correlati

21:56

27/10/2021

Le parole del tecnico dell’Hellas Verona Igor Tudor al termine della partita contro l’Udinese terminata in pareggio...

Le parole del tecnico dell’Hellas Verona Igor Tudor al termine della partita...

21:56

27/10/2021

21:45

27/10/2021

L’allenatore della Sampdoria Roberto D’Aversa ha parlato in conferenza stampa alla fine della partita contro...

L’allenatore della Sampdoria Roberto D’Aversa ha parlato in conferenza...

21:45

27/10/2021

La Liga

13:30

27/10/2021

In pochi a inizio anno avrebbero pronosticato la sfida tra Real Madrid e Osasuna come una possibile sfida al vertice, ma...

In pochi a inizio anno avrebbero pronosticato la sfida tra Real Madrid e Osasuna...

13:30

27/10/2021

12:40

27/10/2021

Il Barcellona già pensa al 2022 con un cambio allenatore diventato, forse, inevitabile. Le prestazioni della squadra di Ronald...

Il Barcellona già pensa al 2022 con un cambio allenatore diventato, forse,...

12:40

27/10/2021