Atletico Madrid, Simeone: “Sono orgoglioso della mia squadra”

Queste le parole di Diego Simeone nel post partita di Atletico Madrid-Manchester City, match che ha sancito l'eliminazione dei colchoneros dalla Champions League.

14/04/2022

11:00

• Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo di lettura: 2 minuti

(Photo by PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP via Getty Images)

L’Atletico Madrid di Simeone è fuori dalla Champions League. Il match di ieri sera, valido per i quarti di ritorno della “Coppa dalle grandi orecchie”, ha sancito l’eliminazione dei Colchoneros dal torneo ad opera del Manchester City di Pep Guardiola. Gli spagnoli escono nonostante la buona prestazione espressa davanti al loro pubblico, un elemento che ha reso orgoglioso l’allenatore argentino. L’ex calciatore di Inter e Lazio ha anche elargito parole di rispetto e stima nei confronti del collega e della squadra avversaria, spegnendo le polemiche che aleggiavano nel post gara. Ecco le sue parole, riportate da TMW.

(Photo by OSCAR DEL POZO/AFP via Getty Images)

Atletico-Manchester City, le parole del “Cholo” Simeone

Sull’esito del match
“Questa gara serve per il nostro orgoglio, per l’orgoglio della nostra gente che ha visto una squadra combattere. E ci dà tranquillità aver dato tutto per superare il turno”.

LEGGI ANCHE: Milan, Totti consiglia Ibrahimovic sul ritiro: “Continua solo se te la senti”

(Photo by PIERRE-PHILIPPE MARCOU/AFP via Getty Images)

Sulla partita
“Il pubblico è stato fantastico per tutta la gara e la squadra ha risposto presente cercando quella comunione d’intenti che è difficile vedere negli stadi. – continua il tecnico argentino – Sul rosso a Felipe non ho capito cosa sia successo, era troppo lontano, ma l’arbitro ha detto che ha calpestato un loro giocatore, ma io non l’ho visto. Quanto alle perdite di tempo non c’è nulla da dire, è l’arbitro che gestisce queste situazioni. Faccio le congratulazioni al City per la grande partita giocata e smentisco di aver applaudito Guardiola perché la sua squadra stava perdendo tempo, l’ho fatto perché apprezzavo lo sforzo che stavano mettendo in campo. Fa male essere usciti, ma sono orgoglioso di quello che siamo e di come abbiamo giocato”.